Spose bambine a Palermo, interrogazione del M5s al Comune | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa del gruppo pentastellato

Spose bambine a Palermo, interrogazione del M5s al Comune

di
18 Settembre 2017

Spose bambine a Palermo. Vittime di un degrado diffuso e di una integrazione inesistente. Il gruppo consiliare M5S presenta una interrogazione al Sindaco.

Il problema, rilanciato in questi giorni da un’inchiesta di Repubblica – spiegano i consiglieri comunali del Movimento cinque Stelle –  poi ripreso da altri media, è gravissimo. Ogni anno a Palermo, decine di piccole finiscono per diventare spose bambine, costrette a tornare nei paesi di origine dei loro genitori e a sposare uomini molto più grandi di loro. Problema che interessa in maniera particolare le comunità del Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e Rom. E in una città che si vanta di essere luogo per eccellenza dell’accoglienza e dell’integrazione, queste cose rappresentano più che mai una forte contraddizione”. “Solo per ricordare qualche numero – proseguono i Consiglieri del Movimento – le spose bambine ogni anno sono circa 5 milioni, e almeno 70 mila muoiono di parto. Ed è un fenomeno che riguarda sempre di più l’Occidente, oltre che gli Stati Uniti d’America”

“Per questa ragione – prosegue il gruppo consiliare – abbiamo presentato una interrogazione al Sindaco di Palermo, nella quale evidenziamo che bisogna subito rilanciare, all’interno del sistema scolastico e dei centri antiviolenza, il tema del matrimonio forzato, per fornire informazioni a queste piccole e spiegare loro che c’è la possibilità di rivolgersi alle istituzioni. Bisogna assolutamente far sì che le minori conoscano i propri diritti e sappiano come e a chi chiedere aiuto. Fermo restando il fatto che in città come Palermo, in perenne emergenza sociale, bisogna assolutamente – e urgentemente – rivedere e potenziare il sistema dei servizi sociali”.

“Ancora, nella nostra interrogazione abbiamo chiesto di attivare un dialogo più serrato con le comunità che sono più a rischio per questo tipo di crimine, – concludono – cercando di indurle a collaborare e a diventare sentinelle esse stesse per collaborare con Forze dell’Ordine e servizi sociali. Infine, chiediamo l’attivazione di uno sportello comunale multilingue che dia sostegno nel contrasto a questo fenomeno A breve, concludono dal gruppo consiliare Comunale M5S, incontreremo anche alcune associazioni che si occupano della vicenda e componenti delle comunità straniere interessate maggiormente alla vicenda”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco