Spose bambine a Palermo, interrogazione del M5s al Comune | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'iniziativa del gruppo pentastellato

Spose bambine a Palermo, interrogazione del M5s al Comune

di
18 Settembre 2017

Spose bambine a Palermo. Vittime di un degrado diffuso e di una integrazione inesistente. Il gruppo consiliare M5S presenta una interrogazione al Sindaco.

Il problema, rilanciato in questi giorni da un’inchiesta di Repubblica – spiegano i consiglieri comunali del Movimento cinque Stelle –  poi ripreso da altri media, è gravissimo. Ogni anno a Palermo, decine di piccole finiscono per diventare spose bambine, costrette a tornare nei paesi di origine dei loro genitori e a sposare uomini molto più grandi di loro. Problema che interessa in maniera particolare le comunità del Pakistan, Bangladesh, Sri Lanka e Rom. E in una città che si vanta di essere luogo per eccellenza dell’accoglienza e dell’integrazione, queste cose rappresentano più che mai una forte contraddizione”. “Solo per ricordare qualche numero – proseguono i Consiglieri del Movimento – le spose bambine ogni anno sono circa 5 milioni, e almeno 70 mila muoiono di parto. Ed è un fenomeno che riguarda sempre di più l’Occidente, oltre che gli Stati Uniti d’America”

“Per questa ragione – prosegue il gruppo consiliare – abbiamo presentato una interrogazione al Sindaco di Palermo, nella quale evidenziamo che bisogna subito rilanciare, all’interno del sistema scolastico e dei centri antiviolenza, il tema del matrimonio forzato, per fornire informazioni a queste piccole e spiegare loro che c’è la possibilità di rivolgersi alle istituzioni. Bisogna assolutamente far sì che le minori conoscano i propri diritti e sappiano come e a chi chiedere aiuto. Fermo restando il fatto che in città come Palermo, in perenne emergenza sociale, bisogna assolutamente – e urgentemente – rivedere e potenziare il sistema dei servizi sociali”.

“Ancora, nella nostra interrogazione abbiamo chiesto di attivare un dialogo più serrato con le comunità che sono più a rischio per questo tipo di crimine, – concludono – cercando di indurle a collaborare e a diventare sentinelle esse stesse per collaborare con Forze dell’Ordine e servizi sociali. Infine, chiediamo l’attivazione di uno sportello comunale multilingue che dia sostegno nel contrasto a questo fenomeno A breve, concludono dal gruppo consiliare Comunale M5S, incontreremo anche alcune associazioni che si occupano della vicenda e componenti delle comunità straniere interessate maggiormente alla vicenda”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin