"Spose bambine e infanzia negata", una conferenza a Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

A Palermo per fare il punto della situazione

“Spose bambine e infanzia negata”, una conferenza a Palermo

di
4 Dicembre 2017

In occasione della storica sentenza della Corte Suprema Indiana, del 11/10/17, con la quale è stato stabilito che una relazione sessuale fra un uomo e la moglie minorenne fra i 15 ed i 18 anni non compiuti ha valore di stupro punibile in base al diritto penale indiano, la presidente di “Mete Onlus” ed esponente di “Fiori di Acciaio”, Giorgia Butera,  insieme all’assistente sociale ed esperta in  comunicazione, Maria Billè, hanno organizzato per lunedì 4 dicembre, a Palazzo Ziino, alle ore 17, una conferenza,  presentata dalla scrittrice Marcella Croce.

La conferenza vede come protagonista il tema delle spose bambine, e la loro infanzia negata.

15 milioni sono ancora i matrimoni che ogni anno si consumano a danno di adolescenti che hanno meno di 15 anni; anche se in Italia non esistono statistiche a livello nazionale, diversi fatti di cronaca recenti hanno riguardato realtà territoriali, come Torino, Roma, Palermo dove sono stati denunciati matrimoni precoci, con adolescenti, anche al di sotto dei 15 anni.

In India, il fenomeno delle spose bambine è addirittura a livelli tra i più alti del mondo, spinte da questo dato preoccupante, Maria Billè e Giorgia Butera, hanno condiviso l’importanza di sostenere Kriti Bharti, psicologa attivista. Kriti grazie alla sua Associazione di beneficenza “Saarthi Trust” è riuscita a fermare oltre 900 matrimoni di spose bambine, a fare annullare 29 matrimoni, e ad aiutare nella riabilitazione oltre 6 mila bambini.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin