Spostamenti tra Regioni: Sicilia pronta il 3 giugno. Altre in forse :ilSicilia.it

Spostamenti tra Regioni: Sicilia pronta il 3 giugno. Altre in forse

di
26 Maggio 2020

Il 3 giugno è una data chiave nel calendario della fase 2. La Sicilia è pronta a riaprire e l’andamento del contagio sembra consentirlo.

È un traguardo delicato, che preoccupa il governo, ma lo stesso presidente della Regione Nello Musumeci aveva proposto la data  identificandola cruciale per la ripartenza dell’economia e del turismo.

Si attendono i dati del 29 maggio per sapere se tutte le regioni saranno autorizzate ai liberi spostamenti. Infatti, in forse sono ancora Lombardia, Piemonte e l’Emilia Romagna. Il governo sta pensando di tenerle chiuse per altre due settimane.

Gli esperti si prenderanno, in ogni caso, almeno altre 24-36 ore per vedere l’andamento della curva e solo allora si riunirà il governo.

Il ministro Boccia ha dichiarato che: “Il criterio per la riapertura sarà il numero dei contagi. Finora stiamo ottenendo risultati straordinari grazie ai sacrifici fatti dagli italiani. Noi ci auguriamo che ci sia un basso rischio in tutta Italia altrimenti sarà inevitabile prendere il tempo che serve. Mercoledì, giovedì e venerdì il ministro Speranza farà le sue valutazioni e poi ci sarà un Cdm per un’ultima valutazione sulla mobilità tra le regioni. Da qui a venerdì si valuterà l’andamento dei dati per intervenire tempestivamente ed evitare di creare squilibri”.

“Senza i primi dati successivi al 18 maggio, nessuna valutazione è realistica – il ministro SperanzaI dati dopo il 4 maggio, che ora si stanno consolidando, sono incoraggianti”.

Intanto i presidenti delle Regioni  hanno chiarito che in base all’evoluzione dello scenario epidemiologico le misure indicate nelle linee guida  saranno rimodulate a seconda della situazione, anche in senso più restrittivo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.