Spremute di frutta nelle Asp: ok ai distributori negli ospedali siciliani :ilSicilia.it

Il provvedimento dell'assessore Razza

Spremute di frutta nelle Asp: ok ai distributori negli ospedali siciliani

di
2 Novembre 2019

Un atto di indirizzo a tutte le Aziende sanitarie, “un modo concreto per migliorare le abitudini alimentari e sostenere le nostre produzioni locali”. Così l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha definito il documento con cui si incentiva la promozione e la valorizzazione delle produzioni agroalimentari locali tramite l’installazione di distributori di frutta fresca o di spremute nei locali delle Asp siciliane.

Ruggero Razza
Ruggero Razza

Si tratta di un atto di indirizzo firmato dall’assessore Razza che prevede che le Asp verifichino sin da subito la possibilità di installare questi distributori. Una misura che prosegue l’intento dichiarato dell’amministrazione regionale di valorizzare la dieta mediterranea in Sicilia.

Per stabilire dove posizionare i distributori si prevede di utilizzare procedure trasparenti per individuare i luoghi esatto. L’atto di indirizzo dell’assessore Razza, infatti, stabilisce che il loro posizionamento venga stabilito insieme a quello dei “distributori automatici di bevande fredde e calde”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.