Squid game: il gioco dell'anno :ilSicilia.it

la serie del momento

Squid game: il gioco dell’anno

di
8 Ottobre 2021

C’è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a “Squid Game“. Qualcuno ha accostato questa serie all’altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola e sia, soprattutto, perché anche in questa serie alcuni dei protagonisti indossano una tuta rossa con il cappuccio. Ma le somiglianze terminano qui!!!
“Squid Game”, letteralmente gioco del calamaro (antico gioco coreano per bambini), è una serie tv coreana, sottotitolata ma non doppiata in italiano – cosa che potrebbe renderne faticosa la visione.

L’idea di partenza non è nuovissima e si è già vista in alcuni film horror/splatter del recente passato, quali “Escape room” 1 e 2 e la saga Saw: mi astengo da ulteriori dettagli per evitare i tanto odiati spoiler. Devo dire, però, che per diversi altri aspetti la serie è molto originale ed interessante. Mi riferisco in particolare allo strano ambiente – un misto tra una caserma e una casa dei balocchi – in cui i giocatori vengono radunati: in questo ambiente surreale, inconsapevoli di quelle che  saranno le reali regole, firmano un contratto che li vincola alla partecipazione al gioco.

La cosa che rende il tutto nuovo e per questo interessante, è la stridente coesistenza tra la violenza che scaturirà e l’apparente innocenza delle prove a cui i partecipanti verranno sottoposti – ispirate a dei noti giochi d’infanzia.  Un ruolo importante nella serie è rivestito anche dai personaggi che indossano una tuta rossa con cappuccio e una maschera nera (simile a quella usata nella scherma). I simboli raffigurati sulla maschera (il cerchio, il triangolo o il quadrato) indicano la mansione e il ruolo rivestiti dal personaggio. Tutti gli “uomini in rosso” hanno il compito di controllare (e non solo!) i partecipanti al gioco, non si vedono quasi mai in volto e ubbidiscono a colui che si fa chiamare il Frontman. Il gioco farà venir fuori la vera anima dei vari partecipanti e atti di altruismo e di vigliaccheria si alterneranno nel corso di tutte le nove puntate previste per la prima stagione. Non posso entrare nei dettagli ma “Squid game” è una serie tv che consiglio, che non deluderà e che non ha, come spesso succede, un finale banale.

Quanto sia diventata virale la serie può essere compreso da due curiosità. La prima è che il numero di telefono stampato sui biglietti da visita che i reclutatori usano, corrispondeva ad una reale utenza coreana subissata di chiamate dopo la messa in onda della puntata. La seconda è che sui social imperversa la ricetta e la preparazione della caramella oggetto di una delle prove a cui vengono sottoposti i partecipanti.

  • I miei  suggerimenti di questa settimana  riguardano alcune serie tv presenti sulle varie piattaforme:
    Wanda Vision su Disney +
  • The Terror su Prime
  • Squid Game su Netflix
  • Temple su Sky

Vi do appuntamento alla prossima settimana e aspetto sempre le vostre e-mail con le richieste, consigli o suggerimenti, quindi scrivetemi a fenomenoserietv@gmail.com

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro