Squid game: il gioco dell'anno :ilSicilia.it

la serie del momento

Squid game: il gioco dell’anno

di
8 Ottobre 2021

C’è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a “Squid Game“. Qualcuno ha accostato questa serie all’altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola e sia, soprattutto, perché anche in questa serie alcuni dei protagonisti indossano una tuta rossa con il cappuccio. Ma le somiglianze terminano qui!!!
“Squid Game”, letteralmente gioco del calamaro (antico gioco coreano per bambini), è una serie tv coreana, sottotitolata ma non doppiata in italiano – cosa che potrebbe renderne faticosa la visione.

L’idea di partenza non è nuovissima e si è già vista in alcuni film horror/splatter del recente passato, quali “Escape room” 1 e 2 e la saga Saw: mi astengo da ulteriori dettagli per evitare i tanto odiati spoiler. Devo dire, però, che per diversi altri aspetti la serie è molto originale ed interessante. Mi riferisco in particolare allo strano ambiente – un misto tra una caserma e una casa dei balocchi – in cui i giocatori vengono radunati: in questo ambiente surreale, inconsapevoli di quelle che  saranno le reali regole, firmano un contratto che li vincola alla partecipazione al gioco.

La cosa che rende il tutto nuovo e per questo interessante, è la stridente coesistenza tra la violenza che scaturirà e l’apparente innocenza delle prove a cui i partecipanti verranno sottoposti – ispirate a dei noti giochi d’infanzia.  Un ruolo importante nella serie è rivestito anche dai personaggi che indossano una tuta rossa con cappuccio e una maschera nera (simile a quella usata nella scherma). I simboli raffigurati sulla maschera (il cerchio, il triangolo o il quadrato) indicano la mansione e il ruolo rivestiti dal personaggio. Tutti gli “uomini in rosso” hanno il compito di controllare (e non solo!) i partecipanti al gioco, non si vedono quasi mai in volto e ubbidiscono a colui che si fa chiamare il Frontman. Il gioco farà venir fuori la vera anima dei vari partecipanti e atti di altruismo e di vigliaccheria si alterneranno nel corso di tutte le nove puntate previste per la prima stagione. Non posso entrare nei dettagli ma “Squid game” è una serie tv che consiglio, che non deluderà e che non ha, come spesso succede, un finale banale.

Quanto sia diventata virale la serie può essere compreso da due curiosità. La prima è che il numero di telefono stampato sui biglietti da visita che i reclutatori usano, corrispondeva ad una reale utenza coreana subissata di chiamate dopo la messa in onda della puntata. La seconda è che sui social imperversa la ricetta e la preparazione della caramella oggetto di una delle prove a cui vengono sottoposti i partecipanti.

  • I miei  suggerimenti di questa settimana  riguardano alcune serie tv presenti sulle varie piattaforme:
    Wanda Vision su Disney +
  • The Terror su Prime
  • Squid Game su Netflix
  • Temple su Sky

Vi do appuntamento alla prossima settimana e aspetto sempre le vostre e-mail con le richieste, consigli o suggerimenti, quindi scrivetemi a fenomenoserietv@gmail.com

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin