Ss 118 Corleonese-Agrigentina: 19 sindaci chiedono progetto e via ai lavori :ilSicilia.it

l'iniziativa

Ss 118 Corleonese-Agrigentina: 19 sindaci chiedono progetto e via ai lavori

di
27 Luglio 2021

Sono 19 i sindaci del Palermitano e dell’Agrigentino che si sono riuniti alla Real Casina di Caccia di Ficuzza per parlare di mobilità e sviluppo economico. Al termine dell’incontro hanno firmato un documento, indirizzato al presidente della Regione Siciliana, agli assessori regionali al Bilancio e alle Infrastrutture e all’Anas, per chiedere risposte concrete e tempi certi per la realizzazione della Strada Statale 118 Corleonese-Agrigentina. L’opera è una “premessa indispensabile perché si possa dare corso ad una programmata strategia di sviluppo dell’area dei Sicani, del Corleonese e della valle del Sosio”.

La richiesta è partita dai primi cittadini di Agrigento, Corleone, Marineo, Prizzi, Palazzo Adriano, Bivona, Raffadali, Joppolo Giancaxio, Santa Elisabetta, Lucca sicula, Alessandria della Rocca, Chiusa Sclafani, Giuliana, Campofiorito, Contessa Entellina, Santo Stefano di Quisquina, Cianciana, Burgio e Bisacquino. Sono diversi i punti alla base del documento sottoscritto oggi. In primo luogo, la Strada Statale 118 è un grande connettore territoriale sul quale si innescano i collegamenti con tutti i comuni dell’entroterra del Palermitano e dell’Agrigentino. In secondo luogo, le infrastrutture sono precondizione dello sviluppo. Inoltre, l’area dei Sicani e il Corleonese risultano particolarmente svantaggiate nel rapporto di crescita rispetto alla condizione che si registra nel resto di Italia e, in particolare, nel centro nord. Quindi è necessario, perché venga superato tale divario, intervenire sulle infrastrutture materiali e immateriali, che consentano di raggiungere obiettivi di sviluppo attraverso la valorizzazione delle enormi ricchezze naturalistiche, ambientali, storiche e archeologiche e delle enormi risorse umane e intellettive presenti sul territorio.

“La Strada Statale 118 è un’arteria di grandissima importanza per i nostri territori – afferma il sindaco di Corleone Nicoló Nicolosi -. Innanzitutto li mette in connessione tra loro, favorendo l’economia e il turismo, anche con percorsi particolari come i cammini religiosi. È però urgente una progettazione esecutiva per garantire un nuovo diritto alla mobilità e per promuovere lo sviluppo attraverso una infrastruttura che pone le basi per la resilienza di imprese e giovani generazioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin