Stabilizzati i precari del Teatro Massimo Bellini di Catania, Musumeci: "Restituita dignità a tanti lavoratori" CLICCA PER IL VIDEO E LE FOTO :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio

Stabilizzati i precari del Teatro Massimo Bellini di Catania, Musumeci: “Restituita dignità a tanti lavoratori” CLICCA PER IL VIDEO E LE FOTO

di
28 Dicembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO E LE FOTO IN BASSO

Per i precari storici del Teatro Massimo Bellini arriva la stabilizzazione. Oggi è stato pubblicato l’avviso rivolto a 32 lavoratori che da circa trent’anni attendevano di essere regolarizzati. Si tratta di figure professionali attinenti a varie qualifiche, artisti, tecnici e amministrativi.

L’annuncio del completamento del percorso di stabilizzazione è stato dato ai lavoratori e ai rappresentanti sindacali, questa mattina nel foyer del Teatro, dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci assieme all’assessore regionale allo Spettacolo Manlio Messina, al sindaco di Catania Salvo Pogliese e al commissario straordinario del Bellini Daniela Lo Cascio.

Nello Musumeci

Era un impegno che avevo assunto nel maggio del 2019. Dunque, in trenta mesi – ha sottolineato il presidente Musumeciabbiamo fatto quello che non si era fatto in trent’anni: abbiamo dato stabilità al Teatro grazie al finanziamento triennale, avviato i lavori di sistemazione delle strutture e, adesso, restituito dignità lavorativa a tanti lavoratori che sino ad oggi hanno vissuto nella provvisorietà. Persone indispensabili per il buon andamento di questo Ente, eppure mai stabilizzate, fondamentali per supplire alle carenza di una pianta organica che prevede oltre 400 unità ma ne dispone solo di 180. Per tutti loro questo sarà un Capodanno diverso. È stato un lavoro difficile – ha aggiunto il governatore – portato avanti grazie all’impegno dell’assessore Messina e con la collaborazione delle istituzioni competenti, del commissario Lo Cascio e del sovrintendente Cultrera, delle organizzazioni sindacali. Adesso ci aspettiamo un maggiore impulso affinché questa Istituzione teatrale, assieme a tutte le altre dell’Isola, possa essere protagonista di una stagione di rilancio che punti sul turismo culturale”.

Manlio Messina

È un giorno di grande emozione – ha aggiunto l’assessore Messina perché da sedici anni seguo la vicenda dei precari. Una vergogna della Pubblica amministrazione a cui abbiamo finalmente posto rimedio: in poco più di due anni siamo riusciti a percorrere una strada difficile che oggi arriva finalmente a destinazione. La gioia più grande è vedere questi lavoratori riacquistare dignità. Significa che la politica, quando vuole, sa dare risposte. Il Bellini oggi è un Teatro che riparte, anche se ancora ha bisogno di tanto lavoro per tornare ai fasti di un tempo. Il governo Musumeci proseguirà con responsabilità a dare nuove risorse a questa storica Istituzione, a cominciare dalle figure professionali di cui c’è ancora bisogno, selezionate per competenze e professionalità. Il Bellini – ha concluso Messina – non sarà mai più un assumificio, ma un Teatro che con passione e responsabilità guarda con fiducia ai prossimi anni”.

Salvo Pogliese

Il Teatro e la città – ha detto il sindaco Pogliese hanno raggiunto un obiettivo per il quale tutti abbiamo lavorato incessantemente superando problemi finanziari, burocratici e amministrativi. L’importante, però, è essere arrivati a questa giornata che rappresenta un punto di partenza all’interno di un percorso qualificante nel quale ognuno ha fatto la propria parte. L’ha fatta la Regione Siciliana dando stabilità economica-finanziaria al Bellini con finanziamenti crescenti triennali, l’ha fatto la Città metropolitana con un finanziamento straordinario aggiuntivo di 350 mila euro dopo dieci anni di assenza, lo ha fatto il Comune di Catania con l’utilizzo della tassa di soggiorno per sostenere la promozione della campagna abbonamenti e il concerto di Capodanno che quest’anno avrà una valenza simbolica in più”. Per il commissario straordinario Lo Cascio, la stabilizzazione dei precari è “una pietra miliare nel processo complessivo di ristrutturazione del Bellini, che consentirà di porre fine anche a un rilevante contenzioso con molti lavoratori”.

Per la sistemazione delle strutture del Teatro la Regione ha stanziato 1,5 milioni di euro, mentre un altro milione è stato destinato all’acquisizione della Casa del Mutilato, il vicino edificio risalente agli Anni Trenta del secolo scorso, che sarà adibito a museo dei costumi e delle memorie del Bellini.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.