Stabilizzazione Asu, Scavone: “Mef sblocchi norma della finanziaria regionale” :ilSicilia.it

I precari degli enti locali

Stabilizzazione Asu, Scavone: “Mef sblocchi norma della finanziaria regionale”

di
10 Giugno 2021

Difenderemo a tutti i costi la norma della finanziaria, approvata ad aprile scorso, con cui il governo Musumeci, con il contributo di tutte le forze sindacali e politiche, ha inteso chiudere una delle pagine più buie del precariato storico”.

Lo afferma l‘assessore regionale al Lavoro Antonio Scavone al termine del tavolo di consultazione sociale permanente sulle problematiche relative al personale Asu, che si è svolto stamattina alla presenza dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali. L’incontro è stato convocato alla luce della richiesta di chiarimenti avanzata dal Ministero dell’Economia sull’articolo 36 della Legge di Stabilità 2021, relativo proprio alla stabilizzazione del personale socialmente utile.

Dopo avere inviato già lunedì scorso le controdeduzioni richieste dal MEF – prosegue Scavone – chiederemo che il governo nazionale autorizzi la deroga al D. Lgs. 118/2011, nella considerazione che la Regione intende sostenere le necessità finanziarie della misura oltre l’intervallo temporale legato al decreto. Questo consentirebbe la storicizzazione della spesa, così come avvenuto per la stabilizzazione dei precari degli enti locali”.

“Si tratta – conclude – di 4571 risorse umane e professionali che da venti anni sono impiegate all’interno della pubblica amministrazione e in molti casi indispensabili al normale funzionamento degli enti locali. Il principio normativo votato dall’ Ars risponde pienamente a una stessa norma adottata a livello nazionale nel 2020 e, soprattutto, aderisce a uno specifico rilievo comunitario che contesta allo Stato italiano il ricorso generalizzato al precariato nella pubblica amministrazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin