Stabilizzazione degli ex Pip, il silenzio della politica preoccupa la Fisascat Cisl :ilSicilia.it
Palermo

Chiesta un'audizione in Commissione Bilancio

Stabilizzazione degli ex Pip, il silenzio della politica preoccupa la Fisascat Cisl

di
23 Ottobre 2018

E’ piombata in un silenzio assordante la discussione sulla stabilizzazione dei lavoratori ex Pip del bacino “Emergenza Palermo”. Dall’incontro tenutosi a fine settembre all’Ars non è emerso nulla di nuovo. Anzi sembra che le forze politiche, che in quell’occasione si erano mostrate attente e disposte a studiare un ventaglio di soluzioni a tutela della categoria, sia entrata in letargo. Il buon esito dell’iter, infatti, dipende dal giudizio di legittimità della Corte Costituzionale chiamata in causa dall’impugnativa del governo nazionale. Secondo Roma la legge votata dal Parlamento siciliano, che prevede il passaggio di questi lavoratori alla Resais e la firma di un contratto a tempo indeterminato, è viziata da profili di incostituzionalità.

L’immobilismo di queste ultime settimane ha spinto la segretaria generale della Fisascat Cisl Sicilia, Mimma Calabrò, a lanciare un nuovo monito. “Nei giorni scorsi abbiamo reiterato la richiesta di audizione in Commissione Bilancio per ricevere informazioni sullo stato della vertenza dal momento che, purtroppo, sembra che la vicenda si trovi all’ennesima impasse”,  afferma la sindacalista. “Alla fine del mese di settembre, durante l’ultima audizione presso la Commissione Bilancio, le parti istituzionali si erano assunte l’onere di portare avanti le interlocuzioni e gli adempimenti con Resais che avrebbero permesso di conoscere a quali condizioni contrattuali i lavoratori sarebbero transitati da gennaio 2019”.

“Inoltre, abbiamo appreso favorevolmente che, d’ora in avanti, dovrebbe essere la Regione Siciliana ad occuparsi del pagamento diretto del sussidio. Da anni, infatti, sostenevamo come l’internalizzazione del servizio potesse servire a snellire l’intero processo dei pagamenti accorciandone i tempi per l’erogazione e risparmiando sulla gestione delle risorse”, afferma la Calabrò che tuttavia su questo punto mostra alcuni timori. “E’ lecito, infatti, chiedersi se sia avvenuto il corretto e completo trasferimento di dati e competenze dall’Inps alla Regione Siciliana, al fine di permettere che emolumenti, assegni familiari e detrazioni continuino ad essere applicati, come avvenuto fin’ora”.

“Non dimentichiamoci – conclude la sindacalista – che il 31 dicembre è ormai alle porte e che, fra l’altro, i ben noti 60 giorni di tempo concessi ai lavoratori per operare la fatidica opzione di scelta sono probabilmente già scaduti. Non possiamo affrontare la vicenda in maniera caotica e compulsiva, anzi, è necessario che lo si faccia in maniera più che ragionata. Ne va del destino di circa 2.600 persone e delle loro famiglie che, da oltre 18 anni, attendono la tanto agognata stabilizzazione che possa dar loro quella dignità lavorativa da sempre ricercata ma mai raggiunta”. Senza un paracadute legislativo, infatti, in caso di sentenza sfavorevole da parte dei giudici queste persone potrebbero trovarsi fuori da tutto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin