Stabilizzazione ex Pip: lavoratori in corteo a Palermo | Video :ilSicilia.it
Palermo

in attesa della pronuncia della Consulta

Stabilizzazione ex Pip: lavoratori in corteo a Palermo | Video

di
6 Dicembre 2018

Guarda il video in alto

Sono arrabbiati e determinati i lavoratori ex Pip del bacino “Emergenza Palermo” in corteo questa mattina verso l’Assemblea regionale siciliana. Dalla politica vogliono risposte concrete sulla loro stabilizzazione. Sulla procedura, infatti, pende il giudizio di legittimità della Corte Costituzionale.

“Noi chiediamo che venga attuato quanto scritto nell’articolo 64 della finanziaria regionale, che prevede il transito nelle società regionali, esattamente la Resais. Vogliamo un contratto, così come previsto a tempo indeterminato”, ha detto Mimmo Russo, consigliere comunale a Palermo e coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, che oggi era alla testa del corteo. 

“Non rientreremo sui posti di lavoro – ha proseguito – fino a quando non sarà mandato l’elenco dei Pip alla Resais. Indietro non torniamo”. Inoltre, chiedono garanzie anche sul pagamento dell’indennità di novembre“Speriamo che domani approvino la variazione di bilancio per permettere a questi lavoratori di fare un santo Natale”. All’appello, infatti, mancano circa 5 milioni di euro.

Sulla vertenza è intervenuta anche la parlamentare regionale Marianna Caronia. “I Pip siciliani – ha dichiarato – rischiano di essere i nuovi ‘esodati’ a causa della situazione di incertezza normativa che si è creata dopo che il Governo nazionale ha sostenuto la incostituzionalità della legge regionale che prevede il transito in Resais. Mi aspetto da parte dell’Aula e del Governo il pieno sostegno a questa iniziativa perché la Sicilia e gli enti locali non possono permettersi né l’interruzione dei servizi svolti dai PIP né una nuova fonte di emergenza sociale”.

Proprio per evitare questo rischio ieri all’Ars è stato sostenuto un emendamento al testo della legge sulle
variazioni di bilancio che permetterà di garantire comunque ai suddetti lavoratori la permanenza nel bacino dell’ex emergenza Palermo e quindi una garanzia di reddito.

In altre parole, i Pip che in questi giorni stanno chiedendo il transito in Resais, avranno la garanzia della possibilità di rientro nel bacino dell’ex emergenza, nel caso in cui la Corte Costituzionale dovesse stabilire la nullità della norma che appunto aveva permesso il passaggio nel bacino regionale.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin