Stabilizzazione ex Pip: pericolo boomerang per i lavoratori :ilSicilia.it
Palermo

A rischio anche la permanenza nel bacino

Stabilizzazione ex Pip: pericolo boomerang per i lavoratori

di
27 Settembre 2018

La norma regionale sulla stabilizzazione degli ex Pip del bacino “Emergenza Palermo“, impugnata dal governo nazionale, rischia di trasformarsi in un boomerang per gli stessi lavoratori. Il quadro delineato oggi in Commissione bilancio all’Ars appare ancora più preoccupante dei timori espressi ieri da alcuni deputati nella medesima Commissione.

Se il giudizio della Consulta sulla legittimità costituzionale della legge dovesse arrivare dopo il passaggio alla Resais, previsto a partire dal primo gennaio 2019, ed essere sfavorevole si aprirebbe uno scenario tanto incerto quanto pericoloso. In questo caso, infatti, non solo i nuovi contratti di assunzione nel frattempo stipulati decadrebbero in automatico, ma i lavoratori rischierebbero di non poter più rientrare nel bacino occupazionale in cui si trovano e allo stesso tempo di perdere lo status di sussidiati. In altre parole perderebbero tutto.

La situazione è ulteriormente aggravata dal fatto che già adesso sono scaduti i termini entro i quali i lavoratori avrebbero potuto esprimere la loro volontà di transitare alla Resais o meno. Per i lavoratori, quindi, tornare indietro è impossibile. “I lavoratori – dichiara Mimma Calabrò, segretaria regionale della Fisascat non possono fare un salto nel buio. Occorre senso di responsabilità da parte di tutte le forze politiche. Bisogna trovare soluzioni concrete per salvaguardare i lavoratori e le loro famiglie visto che la legge continua a produrre i suoi effetti. Dopo aver acceso i riflettori continueremo a rimanere vigili e attenti”.

Secondo l’assessore all’economia Gaetano Armao, che ha partecipato alla seduta, ci sono buone probabilità che i giudici si esprimano contro l’impugnativa. Questa, infatti, a suo parere, è stata articolata in modo generico, consentendo all’avvocatura regionale di entrare nel merito e di fornire controdeduzioni molto precise e dettagliate.

Perde quota, invece, l’idea di una norma transitoria che garantisca la permanenza nel bacino dei lavoratori, poiché dal punto di vista giuridico rischierebbe di inficiare la norma sulla stabilizzazione stessa. E’ stata comunque ribadita la necessità di predisporre un Piano B nel caso in cui la Corte costituzionale dovesse accogliere il ricorso del governo nazionale.  “A questo punto – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Siciliasi aspetta che l’assessorato convochi la Resais e le organizzazioni sindacali per procedere con il percorso stabilito dalla legge. Sperando che nel frattempo si realizzi l’incontro con il ministero della Funzione pubblica per garantire la sostenibilità del percorso”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro