Stabilizzazione Pip: in arrivo una proroga per attendere la sentenza :ilSicilia.it
Palermo

L'Ars teme il giudizio della Corte costituzionale

Stabilizzazione Pip: in arrivo una proroga per attendere la sentenza

di
16 Novembre 2018

L’Assemblea regionale siciliana sta pensando ad una proroga di almeno sei mesi per la stabilizzazione dei 2008 lavoratori ex Pip, prevista per il primo gennaio 2019. L’obiettivo è quello di prendere tempo per conoscere la sentenza della Corte Costituzionale chiamata ad esprimersi sulla legittimità della norma regionale, a seguito dell’impugnativa del governo nazionale. Il pronunciamento dei giudici preoccupa tutte le forze politiche di maggioranza ed opposizione.

Un eventuale giudizio sfavorevole, infatti, potrebbe ribaltare lo spirito della legge: nata per sanare una situazione di precarietà lunga 18 anni, finirebbe per far perdere ai lavoratori anche il sussidio di cui sono attualmente titolari. Se la sentenza dovesse confermare i vizi rilevati da Roma, i contratti dei lavoratori nel frattempo usciti dal bacino nel quale si trovano e passati alla Resais, la società partecipata della Regione Siciliana, sarebbero nulli. In altre parole rimarrebbero fuori da tutto.

Il timore aleggia da mesi a Palazzo dei Normanni e tra gli uffici dell’amministrazione. Già il 27 settembre scorso durante una seduta della Commissione bilancio era stata sollevata da molti deputati la necessità di trovare una soluzione legislativa al problema. Non è un caso, quindi, che l’Assessorato alla famiglia abbia fatto scadere i 60 giorni, previsti sempre dalla legge, entro i quali avrebbero dovuto acquisire le volontà dei lavoratori, ovvero se rimanere nel bacino o passare alla Resais, al fine di avviare l’iter della stabilizzazione.

Solo ieri il Dipartimento al lavoro ha chiesto ufficialmente ai lavoratori di comunicare entro il 26 novembre la loro decisione, affrettandosi subito dopo a spostare tale scadenza al 20 dicembre. Una proroga per niente dettata da esigenze organizzative o gestionali, ma proprio per consentire all’Ars di approvare, nell’ambito della prossima legge di bilancio che dovrà essere varata prima di Natale, una norma che permetta ai lavoratori di scegliere a ragion veduta ed evitare così qualsiasi rischio.

Nel frattempo i sindacati continuano a chiedere la convocazione di una nuova seduta dedicata della Commissione Bilancio, per fare chiarezza sulla vicenda e definire un percorso condiviso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.