Stabilizzazione Pip: in arrivo una proroga per attendere la sentenza :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

L'Ars teme il giudizio della Corte costituzionale

Stabilizzazione Pip: in arrivo una proroga per attendere la sentenza

di
16 Novembre 2018

L’Assemblea regionale siciliana sta pensando ad una proroga di almeno sei mesi per la stabilizzazione dei 2008 lavoratori ex Pip, prevista per il primo gennaio 2019. L’obiettivo è quello di prendere tempo per conoscere la sentenza della Corte Costituzionale chiamata ad esprimersi sulla legittimità della norma regionale, a seguito dell’impugnativa del governo nazionale. Il pronunciamento dei giudici preoccupa tutte le forze politiche di maggioranza ed opposizione.

Un eventuale giudizio sfavorevole, infatti, potrebbe ribaltare lo spirito della legge: nata per sanare una situazione di precarietà lunga 18 anni, finirebbe per far perdere ai lavoratori anche il sussidio di cui sono attualmente titolari. Se la sentenza dovesse confermare i vizi rilevati da Roma, i contratti dei lavoratori nel frattempo usciti dal bacino nel quale si trovano e passati alla Resais, la società partecipata della Regione Siciliana, sarebbero nulli. In altre parole rimarrebbero fuori da tutto.

Il timore aleggia da mesi a Palazzo dei Normanni e tra gli uffici dell’amministrazione. Già il 27 settembre scorso durante una seduta della Commissione bilancio era stata sollevata da molti deputati la necessità di trovare una soluzione legislativa al problema. Non è un caso, quindi, che l’Assessorato alla famiglia abbia fatto scadere i 60 giorni, previsti sempre dalla legge, entro i quali avrebbero dovuto acquisire le volontà dei lavoratori, ovvero se rimanere nel bacino o passare alla Resais, al fine di avviare l’iter della stabilizzazione.

Solo ieri il Dipartimento al lavoro ha chiesto ufficialmente ai lavoratori di comunicare entro il 26 novembre la loro decisione, affrettandosi subito dopo a spostare tale scadenza al 20 dicembre. Una proroga per niente dettata da esigenze organizzative o gestionali, ma proprio per consentire all’Ars di approvare, nell’ambito della prossima legge di bilancio che dovrà essere varata prima di Natale, una norma che permetta ai lavoratori di scegliere a ragion veduta ed evitare così qualsiasi rischio.

Nel frattempo i sindacati continuano a chiedere la convocazione di una nuova seduta dedicata della Commissione Bilancio, per fare chiarezza sulla vicenda e definire un percorso condiviso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco