13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 10.02
caronte manchette
caronte manchette
Palermo

Niente proroghe, subito alla Resais

Stabilizzazione Pip: protesta ad oltranza, domani in corteo verso l’Ars

5 dicembre 2018

Non vogliono sentire ragioni i 2.008 lavoratori ex Pip del bacino “Emergenza Palermo” giunti al decimo giorno consecutivo di protesta, né tanto meno di proroghe. Pretendono che l’Assessorato alla famiglia e al lavoro proceda alla stabilizzazione come stabilito dalla legge approvata dall’Assemblea regionale siciliana nell’aprile scorso. L’amministrazione, dicono, deve prendersi le proprie responsabilità. Qualsiasi problema possa scaturire dalla sentenza della Corte costituzionale, chiamata in causa dall’impugnativa della norma sollevata dal governo nazionale, può essere risolto politicamente.

“Dopo 18 anni di precariato è arrivato il momento di dire basta, abbiamo diritto ad essere stabilizzati”, spiegano i lavoratori oggi in sit in al Foro Italico. Domani da piazza Croci raggiungeranno in corteo piazza del Parlamento per chiedere che gli uffici diano seguito alle procedure per il passaggio alla Resais, la società partecipa dalla Regione, e per la stipula dei contratti a tempo indeterminato.

“Siamo stanchi di lavorare in condizioni di precarietà – continuano – senza contributi e diritti”.

La deadline è l’11 dicembre prossimo, quando i rappresentanti delle varie organizzazioni sindacali incontreranno a Palazzo d’Orleans la dirigente del Dipartimento Lavoro, Francesca Garioffolo e il vice capo di gabinetto dell’Assessorato, Santo Orazio Primavera. Per quella data i lavoratori attendono risposte certe e definitive sul loro destino.

Nel frattempo rimane alta l’attenzione sul fronte pagamenti. Non è ancora stata erogata l’indennità di novembre, perché nell’apposito capitolo di bilancio mancano all’appello circa 5 milioni di euro. Risorse che l’Ars dovrebbe integrare proprio in queste ore con l’approvazione del bilancio. Quella di dicembre, invece, con molta probabilità verrà pagata a gennaio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.