13 dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.09
caronte manchette
caronte manchette

In ballo il destino di 5.200 persone

Stabilizzazioni Asu: Csa, continua lavoro con Assessorato per una legge ad hoc

16 maggio 2018

“Stiamo lavorando per concordare una legge che consenta a tutti i lavoratori Asu (5.200, ndr) di superare la condizione di precarietà nella quale versano da anni e finalmente di essere stabilizzati. Non ci interessa l’ennesimo provvedimento estemporaneo. La questione va affrontata e risolta in maniera definitiva”. Così Vito Sardo e Mario Mingrino del Csa Dipartimento Asu a margine del tavolo che si è tenuto stamani presso l’Assessorato regionale della Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro alla presenza dell’assessore Mariella Ippolito e delle altre organizzazioni sindacali.

“Abbiamo tracciato un percorso unitario con le altre sigle sindacali – aggiungono – che da qui alle prossime settimane ci porterà a formulare una proposta condivisa da sottoporre al governo e all’Assemblea regionale. C’è la disponibilità dell’assessore Ippolito e ci sono le fonti normative che affermano il diritto alla stabilizzazione”.

“Non si può continuare a perpetrare questa situazione – concludono Sardo e Mingrino – che mortifica la dignità dei lavoratori e impedisce agli enti utilizzatori di sfruttare appieno una risorsa umana che oggi garantisce il funzionamento di molte prestazioni e servizi pubblici”.

Tag:
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Radiografia, Tac e Pet: tra nuove tecnologie e ars medica

L’attuale presidente della Società Italiana di Radiologia Medica, professore Roberto Grassi, ha dichiarato un po' di tempo fa che "Abbiamo bisogno di clinici che facciano i clinici, di medici che facciano i medici, perché in gioco non c’è solo spreco di risorse, ma anche la sicurezza dei pazienti, che devono essere esposti a radiazioni ionizzanti solo se veramente necessario".
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Abbiamo molto da imparare

“Nzu”! Suono quasi gutturale che usciva con una smorfia da chi quasi a significarvi che “nenti sacciu e nenti sapia” voleva chiudere al nascere qualunque tipo di conversazione e tu sapevi che anche se ti fossi perso era certamente giunto in Sicilia.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.