"Stanchi di essere considerati cittadini di serie B". Armao lancia gli autonomisti :ilSicilia.it

L'iniziativa

“Stanchi di essere considerati cittadini di serie B”. Armao lancia gli autonomisti

di
21 Gennaio 2018

Gli autonomisti di Gaetano Armao si sono dati appuntamento ieri all’Hotel Wagner in una conferenza Stampa dell’Unione dei siciliani sui temi dell’insularità.

Erano presenti Rino Piscitello, Coordinatore del movimento e Gaetano Armao Presidente del movimento e Vicepresidente della Regione Siciliana

L’insularità è un valore e  va inserita nello Statuto, questo il senso della loro iniziativa.

“Il riconoscimento degli svantaggi legati alla condizione di insularità – ha evidenziato il vicepresidente della Regione nel suo intervento – è condizione indispensabile per determinare pari opportunità per i cittadini siciliani. Proteggeremo la Sicilia è stata la parola d’ordine della nostra Convention”.

È stata avviata  una raccolta di firme online sul sito change.org (link https://www.change.org/p/un-referendum-consultivo-per-inserire-l-insularità-nello-statuto-siciliano) diretta a tutti i parlamentari dell’Ars affinché decidano di indire nel corso del 2018 un Referendum Consultivo in Sicilia per richiedere, attraverso una legge voto, alla Camera e al Senato l’inserimento nello Statuto della Regione del riconoscimento degli svantaggi derivanti dalla condizione di insularità.

La proposta si collega a quella  della Sardegna che affronterà il tema andando al voto con  referendum nei prossimi mesi. Il testo sul quale si chiede di svolgere il Referendum Consultivo è il seguente: “Volete voi che la Regione Siciliana intraprenda le iniziative istituzionali necessarie al riconoscimento del grave e permanente svantaggio derivante dall’insularità mediante l’inserimento di detto principio nello Statuto in coerenza con l’art. 174, terzo comma, del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea?”

“Stanchi di essere considerati cittadini di serie B”, si chiude  così, perentoriamente, il documento.

Per sostenere l’iniziativa referendaria volta alla modifica dello Statuto è stato formato un Comitato Scientifico presieduto dal professore Marcello Saija dell’Università di Palermo e formato dai professori Uccio Barone (Catania), Angelo Cuva (Palermo), Dario Immordino (Palermo), Lucio Melazzo (Palermo), Lina Panella (Messina), Francesca Perrini (Messina), Giorgio Schichilone (Palermo), Fabrizio Tigano (Catania), Caterina Ventimiglia (Palermo).

“La condizione d’insularità, se non temperata da iniziative che garantiscono pari diritti, – ha detto Rino Piscitello – determina una gravissima disparità all’interno di uno stesso Paese.” Noi siciliani – ha proseguito il Coordinatore dell’Unione dei siciliani – sappiamo che ogni cosa, dal costo del biglietto aereo al costo dell’energia, dalla gestione di un’impresa al trasporto delle merci prodotte, comporta un esborso e un sacrificio maggiore di quelli richiesti ai cittadini residenti nel centro nord.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.