Start Cup Sicilia, ecco le migliori startup siciliane dell'edizione 2017 :ilSicilia.it
Palermo

Al primo posto la startup palermitana Pcbis

Start Cup Sicilia, ecco le migliori startup siciliane dell’edizione 2017

di
25 Ottobre 2017

PALERMO. Recuperare i metalli nobili presenti nelle schede madri dei rifiuti elettronici – come ad esempio smarphone, tablet, personal computer – attraverso tecniche eco-sostenibili. È questo il progetto con il quale una startup nata all’Università degli Studi di Palermo, la Printed circuit boards innovative solutions (Pcbis), si è aggiudicata il gradino più alto del podio dell’edizione 2017 di Start Cup Sicilia svoltasi oggi a Palermo nella sede siciliana di UniCredit. Per abbattere l’impatto ambientale gli ideatori si sono inventati un sistema di estrazione che non prevede il riscaldamento dei materiali ad alte temperature, ma a temperature prossime a quelle ambientali.

A Start Cup Sicilia sono approdate le 9 idee imprenditoriali ad alto contenuto di innovazione e tecnologia più brillanti dell’Isola che si sono classificate ai primi tre posti delle Start Cup localo promosse dalle Università di Catania, Messina e Palermo. Si tratta di Creationdose, Geodazer, Mvmant, nella Start Cup Catania; Digital Green, Metacomf, Safe Crane, nella Start Cup Messina; Nonolead, Ocore, Pcbis, nella Start Cup Palermo.

Quest’ultima con la vittoria si è assicurata la partecipazione al Premio Nazionale per l’Innovazione, in programma quest’anno a Napoli il 30 novembre e il primo dicembre. Il premio, infatti, per i primi sei classificati consiste nel pagamento della quota di iscrizione necessario per accedere all’evento nel capoluogo campano. Oltre a Pcbis, quindi, sono state premiate Digital Green, Geodazer, Mvmant, Ocore, Safe crane.

Ad aprire l’iniziativa gli interventi di Fabio Mazzola, pro-rettore vicario dell’Università di Palermo, e Roberto Cassata, responsabile Rapporti con il Territorio Sicilia di UniCredit. A seguire si sono svolte le presentazioni delle nove idee imprenditoriali finaliste. Erano presenti, in rappresentanza delle tre Start Cup siciliane federate alla Start Cup Sicilia, i docenti universitari Daniela Baglieri dell’Ateneo messinese, Rosario Faraci per quello di Catania e Marcantonio Ruisi dell’Università di Palermo. La premiazione è stata effettuata da Roberto Cassata, responsabile Sviluppo del Territorio Sicilia di UniCredit.

“UniCredit – ha dichiarato Roberto Cassata attraverso Unicredit Start Lab, offre alle start up ad alto contenuto tecnologico e innovativo dei settori Innovative made in Italy, Digital, Clean Tech, Life Science una piattaforma completa di servizi: incontri con potenziali investitori e aziende Corporate per partnership industriali, tecnologiche, commerciali, strategiche; mentorship attraverso l’assegnazione di un gestore dedicato, il coinvolgimento di imprenditori e professionisti qualificati per incontri periodici, grant in denaro; training con la Start up Academy”.
“La Banca, 
inoltre – ha aggiunto – si adopera sul territorio, in partnership con l’ecosistema locale, per supportare la nascita e lo sviluppo di nuove imprese con l’obiettivo primario di accrescere il numero di start up di qualita’ e creare nuove prospettive per i giovani siciliani. I risultati cominciano ad arrivare: su un totale nazionale di 7.953 start up innovative, 406 realta’ (5,1%,) sono siciliani”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin