Stato-mafia, De Raho: "Tre gradi di giudizio confermano bontà del sistema" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Stato-mafia, De Raho: “Tre gradi di giudizio confermano bontà del sistema”

di
24 Settembre 2021

Il nostro sistema vede tre gradi di giudizio e ancora una volta i tre gradi confermano la bontà del nostro sistema. La sentenza di appello, dal punto di vista delle garanzie, conferma l’importanza del sistema costituzionale che esiste nel nostro paese”. Lo ha detto Federico Cafiero De Raho, procuratore nazionale antimafia rispondendo a una domanda in merito alla sentenza sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia.

Dal punto di vista dell’antimafia – ha spiegato – la sentenza determina esclusivamente un’indicazione sull’interpretazione ma quel che l’antimafia ha sviluppato è stata la ricostruzione di un percorso, quindi i comportamenti che sono stati posti in essere, i collegamenti che ci sono stati con i vertici mafiosi, tutto ciò che è riportato nella sentenza di primo grado e che è stato verificato nel corso della sentenza di secondo grado. La valutazione sulla sussistenza del reato ha riguardato l’aspetto psicologico di coloro che hanno operato“.

Per De Raho “si sta ricostruendo un percorso che tende soprattutto a porre in luce se vi sono state collaborazioni da alcune parti dello Stato. E’ evidente – ha aggiunto – che sono indagini che si sviluppano e vengono sottoposte alla valutazione del giudice“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.