Stato-mafia, Giammanco: "Quanti dovrebbero scuse? Serve Commissione d'inchiesta " :ilSicilia.it

la dichiarazione

Stato-mafia, Giammanco: “Quanti dovrebbero scuse? Serve Commissione d’inchiesta “

di
24 Settembre 2021

Anni di prime pagine e processi mediatici, di accuse infamanti e congetture smontate, una volta per tutte, da una sentenza che assolve da ogni accusa i generali Antonio Subranni e Mario Mori, il colonnello Giuseppe De Donno e il Senatore Marcello dell’Utri“, afferma Gabriella Giammanco, Vicepresidente di Forza Italia in Senato e portavoce azzurra in Sicilia.

Un processo che non avrebbe dovuto nemmeno tenersi e che conferma quanto sia importante essere garantisti. Adesso in quanti dovrebbero chiedere scusa? In quanti dovrebbero pagare per aver distrutto la vita di chi è stata ingiustamente messo sulla graticola per tutto questo tempo?” , continua la Giammanco.

Da mesi Forza Italia chiede una Commissione d’inchiesta che indaghi sull’uso politico di procedimenti giudiziari, sulle ombre della magistratura, sulle correnti e sulla pretesa di certi magistrati di sostituirsi agli altri poteri dello Stato, oscurando il lavoro di colleghi onesti e preparati che, se non affiliati alle correnti, rischiano spesso di non far carriera. Questa vicenda rafforza l’importanza e la necessità del referendum sulla giustizia. Occorre riformare il sistema e farlo in fretta“, conclude la Vicepresidente.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin