Stato-mafia, il legale di Dell'Utri: "Governo Berlusconi si è opposto" :ilSicilia.it

Stato-mafia, il legale di Dell’Utri: “Governo Berlusconi si è opposto”

di
20 Settembre 2021

“Abbiamo assistito a una ritirata silenziosa dell’accusa dal contraddittorio, alla rinuncia sostanziale a confutare le nostre argomentazioni”. È un passo della replica del legale di Marcello Dell’Utri, l’avvocato Francesco Centonze, nel corso degli interventi delle parti previsti per l’ultima udienza del processo sulla trattativa Stato-mafia prima che la corte si ritiri in camera di consiglio per la sentenza.

Imputati a Palermo di minaccia a Corpo politico dello Stato gli ex ufficiali del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, il pentito Giovanni Brusca, l’ex senatore Marcello Dell’Utri e i boss Leoluca Bagarella e Antonino Cinà. Centonze parla di “mix di suggestioni create dall’accusa per provare a ribaltare una sentenza definitiva” alludendo al verdetto che ha scagionato l’ex senatore azzurro dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa per il periodo successivo al 1992.

“Invece di uscire dal suo cantuccio – dice Centonze- la procura generale preferisce restare nella sua zona di conforto“. Il legale ha bollato come “deduzioni prive di dimostrazioni e mere massime di esperienza le argomentazioni dell’accusa“.

“Il Governo Berlusconi si è opposto a provvedimenti favorevoli all’organizzazione mafiosa e questo emerge documentalmente dalle carte della Presidenza del Consiglio depositate al processo”, ha aggiunto il legale Centonze.

Centonze parla di frasi “velenose” dette dall’accusa, emblematiche di una debolezza dell’impianto della Procura generale. “Quanto a Berlusconi vittima della minaccia che la mafia gli avrebbe fatto tramite Dell’Utri, mai avevo sentito l’accusa dileggiare la vittima di un reato. Ne deduco che Berlusconi non goda dell’apprezzamento della procura generale ma, di più, dileggiando l’ex premier è la stessa pg a disconoscerne il ruolo di vittima, altrimenti non ironizzerebbe su di lui“, ha aggiunto. “L’accusa discetta di sociologia, fa deduzioni, insomma guarda il dito e non la luna“, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.