Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: "Complessità tecniche" :ilSicilia.it
Palermo

la replica dell'assessore

Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: “Complessità tecniche”

di
16 Aprile 2019

La notizia relativa alla mancata costruzione del Decathlon nell’ex stabilimento della “Coca Cola” di via Rosario Nicoletti, a Palermo, provoca la replica del Comune. A gettare acqua sul fuoco, l’assessore al Suap Leopoldo Piampiano, che spiega che “la pratica in oggetto è pervenuta al Suap a metà di ottobre dello scorso anno e non ‘oltre due anni fa’, come erroneamente riportato“.

Nel nostro articolo, però, non c’è scritto che la pratica è pervenuta al Suap da oltre due anni ma che non ce n’era del tutto traccia. I due anni sono semmai riferiti a quando se ne era incominciato a parlare in città. A proposito poi della pratica stessa, l’8 aprile ci siamo recati al Suap, la nostra visita è stata registrata, e ci è stato detto che non risultava alcuna pratica.  Inoltre, pare strano che, dopo tutto questo tempo, si scopra che il primo ostacolo per l’investimento sarebbe la costruzione di un parcheggio.

Il Comune infatti non smentisce le difficoltà e sempre l’assessore Piampiano – che si è insediato il mese scorso – è costretto ad ammettere che “la stessa pratica è tuttora in fase di analisi, in considerazione della complessità tecnica, della necessità di individuare le aree a verde e destinate al parcheggio, indispensabili per la struttura e, soprattutto, in considerazione delle vicende giudiziarie dell’immobile ancora sotto sequestro“.
Di fatto quasi uno stop, se non tombale di certo difficile dall’essere superato.

La notizia di oggi è, comunque, che una pratica esiste nonostante l’8 aprile al Suap pare non ne avessero contezza: del resto si tratta di un progetto definito a gennaio “alle battute finali”, immaginiamo quindi che in breve si passerà alle vie concrete, nel rispetto dei tempi previsti per presentare e ricevere le dovute autorizzazioni.

Risulta, poi, del tutto destituita di fondamento – dicono ancora dal Comune – la notizia secondo cui il Comune avrebbe ‘scoperto solo dopo due anni’ che la zona interessata sarebbe classificata come B2, visto che la stessa è indicata nel Prg come Zto D1“.

Prendiamo atto per il futuro che si tratta di zona “Zto D1” e non “B/2”.

“Ulteriori approfondimenti istruttori – conclude l’assessore Piampiano – sono, inoltre, in corso da parte degli uffici, a seguito di notizie di stampa circa lo scioglimento e la liquidazione della Abate Group S.p.a. e ai provvedimenti disposti dalla sezione fallimentare del Tribunale di Catania“.

 

LEGGI ANCHE:

Decathlon a Palermo, insorgono opposizione e sindacato: “Occasione perduta. Orlando alla frutta”

Decathlon a Palermo? Problemi su problemi e si allontana la possibilità di aprire lo store in città

Decathlon addio, Palermo perde milioni e posti di lavoro per un parcheggio | Fotogallery

Rivoluzione nel commercio: Decathlon aprirà a Palermo

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco