Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: "Complessità tecniche" :ilSicilia.it
Palermo

la replica dell'assessore

Stop a Decathlon? Il Comune smentisce ma non troppo: “Complessità tecniche”

di
16 Aprile 2019

La notizia relativa alla mancata costruzione del Decathlon nell’ex stabilimento della “Coca Cola” di via Rosario Nicoletti, a Palermo, provoca la replica del Comune. A gettare acqua sul fuoco, l’assessore al Suap Leopoldo Piampiano, che spiega che “la pratica in oggetto è pervenuta al Suap a metà di ottobre dello scorso anno e non ‘oltre due anni fa’, come erroneamente riportato“.

Nel nostro articolo, però, non c’è scritto che la pratica è pervenuta al Suap da oltre due anni ma che non ce n’era del tutto traccia. I due anni sono semmai riferiti a quando se ne era incominciato a parlare in città. A proposito poi della pratica stessa, l’8 aprile ci siamo recati al Suap, la nostra visita è stata registrata, e ci è stato detto che non risultava alcuna pratica.  Inoltre, pare strano che, dopo tutto questo tempo, si scopra che il primo ostacolo per l’investimento sarebbe la costruzione di un parcheggio.

Il Comune infatti non smentisce le difficoltà e sempre l’assessore Piampiano – che si è insediato il mese scorso – è costretto ad ammettere che “la stessa pratica è tuttora in fase di analisi, in considerazione della complessità tecnica, della necessità di individuare le aree a verde e destinate al parcheggio, indispensabili per la struttura e, soprattutto, in considerazione delle vicende giudiziarie dell’immobile ancora sotto sequestro“.
Di fatto quasi uno stop, se non tombale di certo difficile dall’essere superato.

La notizia di oggi è, comunque, che una pratica esiste nonostante l’8 aprile al Suap pare non ne avessero contezza: del resto si tratta di un progetto definito a gennaio “alle battute finali”, immaginiamo quindi che in breve si passerà alle vie concrete, nel rispetto dei tempi previsti per presentare e ricevere le dovute autorizzazioni.

Risulta, poi, del tutto destituita di fondamento – dicono ancora dal Comune – la notizia secondo cui il Comune avrebbe ‘scoperto solo dopo due anni’ che la zona interessata sarebbe classificata come B2, visto che la stessa è indicata nel Prg come Zto D1“.

Prendiamo atto per il futuro che si tratta di zona “Zto D1” e non “B/2”.

“Ulteriori approfondimenti istruttori – conclude l’assessore Piampiano – sono, inoltre, in corso da parte degli uffici, a seguito di notizie di stampa circa lo scioglimento e la liquidazione della Abate Group S.p.a. e ai provvedimenti disposti dalla sezione fallimentare del Tribunale di Catania“.

 

LEGGI ANCHE:

Decathlon a Palermo, insorgono opposizione e sindacato: “Occasione perduta. Orlando alla frutta”

Decathlon a Palermo? Problemi su problemi e si allontana la possibilità di aprire lo store in città

Decathlon addio, Palermo perde milioni e posti di lavoro per un parcheggio | Fotogallery

Rivoluzione nel commercio: Decathlon aprirà a Palermo

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin