Stop ai domicili nei festivi, pressing sulla Regione: "Musumeci revochi l'ordinanza, è dannosa e ingiustificata" :ilSicilia.it

CNA, Confartigianato, Casartigiani e Claai scrivono al Governo regionale

Stop ai domicili nei festivi, pressing sulla Regione: “Musumeci revochi l’ordinanza, è dannosa e ingiustificata”

di
18 Aprile 2020

“Quando un provvedimento genera  benefici, senza produrre alcun effetto collaterale  negativo, non si capisce perché non debba trovare applicazione”. CNA, Confartigianato, Casartigiani e Claai, in forma unitaria, chiedono al Governo regionale  di rivedere la posizione rispetto al divieto imposto ai servizi di consegna a domicilio nei giorni festivi.

“In un momento in cui l’economia è ferma, paralizzata ed in grande sofferenza per la chiusura forzata delle attività e la limitazione della mobilità delle persone – spiegano le quattro Organizzazioni datoriali – le misure restrittive, almeno quelle ritenute oggettivamente eccessive, messe in campo per il contrasto alla diffusione del Covid19, vanno allentate. E l’ordinanza del presidente Musumeci, che nella fattispecie inasprisce le disposizioni previste dal governo nazionale, risulta ad oggi incomprensibile ed ingiustificata, rispetto sia alla situazione sanitaria complessiva della Sicilia sia alle prime indicazioni e segnali di riapertura di alcune filiere,  nell’ottica anche dell’ipotizzata  ripresa, seppur graduale, dell’intero sistema produttivo, a partire dal 4 maggio.

riders-scooter-domiciliPasqua e Pasquetta sono state due occasioni perdute per ridare ossigeno al tessuto economico che si occupa di produzione di cibo da asporto, con conseguenti disagi per famiglie e anziani soli. Siccome errare è umano, ma perseverare è diabolico – aggiungono CNA, Confartigianato, Casartigiani e Claai – e allora invochiamo ascolto e condivisione  alle Istituzioni Politiche della Regione, e in particolar modo al Presidente Musumeci e all’Assessore al ramo, Turano,  affinché, in occasione del 25 e 26 Aprile e per il ponte lungo del Primo Maggio, prevalga il buon senso e si proceda alla revoca dell’ordinanza, consentendo così, sulla base delle disposizioni governative nazionali, alle attività di pasticcerie, dolcerie, rosticcerie, pizzerie, gastronomie, focaccerie etc. di effettuare consegne a domicilio. Con questa modalità,  sempre nel rispetto del protocollo della sicurezza, si raggiungerebbe un duplice obiettivo: favorire la permanenza a casa della popolazione, evitando possibili assembramenti presso i punti vendita,  e mettere  artigiani e commercianti del comparto nelle condizioni di offrire un importante servizio sociale, portando a casa delle persone i loro prodotti, e quindi di garantirsi un provvidenziale ristoro economico in questa drammatica fase emergenziale.

Inoltre rispetto all’utilizzo dei “buoni spesa” da parte dei Comuni a sostegno delle fasce sociali più bisognose, in attuazione delle misure urgenti di solidarietà alimentare e in ottemperanza a quanto disposto dal capo Dipartimento della Protezione Civile,  le quattro Organizzazioni propongono, in una nota indirizzata all’Assessore regionale alle Autonomia Locali, Bernardette Grasso, e per conoscenza al Presidente dell’Anci Sicilia, Leoluca Orlando, che nei bandi e nelle manifestazioni di interesse, sotto la gestione dalle Amministrazioni comunali, vengano individuati anche gli operatori delle attività di produzione di cibi da asporto. Una linea di inclusione che richiede l’emanazione di una circolare di indirizzo, valevole per il  territorio regionale, al fine di coinvolgere una così ampia categoria di imprenditori dalla effettuazione di cessioni a fronte di buoni alimentari emessi dai Comuni”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, Confcommercio Sicilia: “La Regione consenta i domicili anche nei festivi”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin