"Stop al raddoppio Cefalù-Castelbuono", rischio nuove incompiute in Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

i sindacati: "Rfi pronta a rescindere il contratto"

“Stop al raddoppio Cefalù-Castelbuono”, rischio nuove incompiute in Sicilia

di
3 Gennaio 2020

Tensione altissima alle Ferrovie: il raddoppio della linea Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono (lungo la Palermo-Messina) appaltato alla Toto Costruzioni per un valore di oltre 500 milioni di euro sarebbe a rischio stop.

La denuncia arriva dai tre sindacati degli edili (Fillea, Filca e Feneal) cui RFI avrebbe preannunciato l’intenzione di rescindere il contratto e interrompere i lavori.

Raddoppio Cefalù Ogliastrillo-Castebuono
La cerimonia inaugurale dei lavori (18/04/19 – Foto Fb Magda Culotta)

“Esordio del 2020 amaro per i cantieri in Sicilia – scrivono in una nota congiunta i sindacati – . Con una comunicazione telefonica alle tre organizzazioni degli edili di Feneal, Filca e Fillea, la Toto ha comunicato che il 7 gennaio non riprenderà le attività. Le difficoltà sarebbero legate  a un contenzioso in atto tra la stazione appaltante e la Toto. Rfi stamattina, per tutta risposta, ha fatto sapere ai sindacati che il 7 gennaio, se il fermo delle attività sarà confermato, partirà la lettera di rescissione del contratto con la Toto.

Non è giustificabile e neanche ammissibile che un cantiere appena partito si fermi sul nascere ai primi intoppi –  dichiarano Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil tirrenica, Francesco Danese, segretario generale Cisl Palermo Trapani e Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo – Si tratta di un’opera strategica, attesa da tutto il territorio, fondamentale per il percorso di ammodernamento della linea ferrata Palermo-Messina. Il 7 gennaio saremo tutti quanti a presidiare il cantiere e non accetteremo che quest’opera diventi l’ennesima incompiuta”.

L’attesa è stata lunghissima: dopo 4 anni di silenzio e ritardi lo scorso 18 aprile 2019 finalmente partivano i cantieri. Dopo appena 8 mesi, cioè lo scorso 19 dicembre 2019, i sindacati denunciavano già il rischio stop ai lavori per ritardi nei pagamenti all’impresa Idrogeo srl, affidataria della Toto, che stava eseguendo lo scavo della galleria nei pressi di Sant’Ambrogio.

Gli incassi dei Sal (stati d’avanzamento dei lavori) nel frattempo sono stati saldati da RFIall’impresa. Ecco perché il responsabile di RFI per il Nodo di Palermo, l’ing. Filippo Palazzo, intervistato da ilSicilia.it aveva tuonato contro la Toto, esortandola al rispetto degli impegni contrattuali.

Filippo Palazzo, RFI
Filippo Palazzo, RFI

“Il mancato pagamento dei Sal aveva provocato il mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori delle ditte affidatarie. E il personale della Toto è rimasto a casa, pagato per non lavorare – aggiungono De Vardo, Danese e Ceraulo –  In un confronto avvenuto prima delle feste natalizie, avevamo ribadito che i lavoratori avrebbero dovuto ricevere il pagamento delle giornate di fermo. E ci siamo lasciato auspicando che nel 2020 la situazione si sarebbe appianata. Invece, dalla conversazione telefonica abbiamo colto che la difficoltà a riprendere le fasi lavorative è seria perché c’è un contenzioso in corso con la committenza che non si risolve. Ma Rfi ha fatto sapere che non c’è più niente da chiarire e che non si aspetta nessun confronto. C’è solo una lettera di rescissione di contratto già pronta a partire se il 7 gennaio i lavori non riprenderanno”.

L’ASSESSORE MARCO FALCONE: “Toto riprenda i lavori o vada via”

Marco Falcone
Marco Falcone

“Prendiamo atto della presa di posizione di Rfi nei confronti di Toto costruzioni e la condividiamo. L’impresa dopo due anni venga allo scoperto e dica se ha un reale interesse o è nelle condizioni di portare a compimento la più importante opera pubblica della Sicilia”. Lo dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, commentando la notizia della sospensione dei lavori del raddoppio ferroviario Palermo-Messina, da parte della ditta Toto costruzioni, a partire da martedì 7 gennaio.

“Vorrei ricordare – aggiunge l’esponente del governo Musumeci – che la Regione Siciliana è stata parte diligente con Rfi, per una piattaforma contrattuale che riconoscesse o che venisse incontro alle richieste della Toto, e tutto ciò nell’interesse al riavvio del cantiere e alla realizzazione opera. A distanza di otto mesi dalla ripartenza del cantiere, purtroppo, prendiamo atto che molto poco è stato fatto. Ci siamo stancati: o la Toto riprende i lavori in maniera concreta oppure vada via. Convocheremo un tavolo tecnico, giovedì 9 gennaio a Palermo, per definire la vertenza”.

 

 

IL SERVIZIO DEL 23/12/2019:

LEGGI ANCHE:

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, le Ferrovie bacchettano la Toto: “Mantenga gli impegni” | VIDEO

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, Fillea: “Il cantiere rischia di fermarsi”

Ferrovie: dopo 4 anni di stop riparte il raddoppio Cefalù-Castelbuono | FOTO-VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.