Storia intima d'Italia... Quando i Piemontesi scoprirono il bidet | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Storia intima d’Italia… Quando i Piemontesi scoprirono il bidet

5 Aprile 2019

Quando si realizzò l’unità d’Italia, in quello che era stato il Regno Meridionale gran parte degli ex funzionari borbonici furono sostituiti da quelli piemontesi che, per la cronaca, non furono molto amati dalle popolazioni locali, per la rigidità delle loro posizioni e per una cultura poco incline alle mediazioni e alle intermediazioni che spingevano, in molte occasioni, i loro predecessori a piegare le leggi agli interessi particolari.

Alcuni di questi funzionari furono anche addetti a redigere minuziosi ed accurati inventari dei beni della precedente dinastia. Proprio nel corso di uno di questi inventari, segnatamente nella reggia di Caserta, qualcuno di questi ligi funzionari si trovò di fronte ad un oggetto mai visto, dalla forma alquanto particolare, che indicò come “strano oggetto a forma di chitarra”. Quello strano oggetto, allora sconosciuto nel resto della penisola, era uno degli accessori che, oggi, non manca quasi mai nei nostri bagni. Mi riferisco al “bidet” arrivato nella penisola grazie ai Borbone. Era stata, infatti, la regina Maria Carolina a volere la prima installazione del “bidet” in Italia.

Un’istallazione che, per il suo tempo, era stata una vera e propria sfida anticonformista perché quell’oggetto, così utile all’igiene intima, era diffuso in Francia, dove era stato “inventato”, ma solo nelle case d’appuntamento. Le prostitute, naturalmente di un certo livello, lo consideravano un oggetto indispensabile per la loro professione, tanto indispensabile da essere definito un ordinario “strumento di meretricio”.

Per la storia, quell’oggetto aveva fatto il suo ingresso ufficiale per la prima volta nella vita degli uomini nella reggia di Versailles, era stato istallato nel 1700 dal suo inventore, Christoph des Rosiers, per Luigi XIV, il famoso Re Sole che, refrattario com’era alla pulizia, non ne fece grande uso contribuendo con il suo esempio negativo a dissuadere ad installarlo nelle proprie abitazioni anche coloro che avrebbero potuto permetterselo. Così in Francia, dov’era stato inventato, lo “strano oggetto a forma di chitarra” finì per essere destinato solo per le necessità dei bordelli.

Per tornare a Maria Carolina d’Asburgo, che ne faceva quotidiano uso, c’è da ricordare che, la stessa allorché, dopo la rivoluzione del 1799, fu costretta a lasciare Napoli per raggiungere Palermo, lamentò la mancanza del bidet a palazzo reale e nei palazzi nobiliari, aggiungendo anche questo motivo ai molti altri che non gli facevano amare i siciliani.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.