"Storto tour" di Marco Corrao, l'ultima tappa il 26 marzo nella 'sua' Capo d'Orlando con Milici :ilSicilia.it

Il cantautore siciliano in concerto

“Storto tour” di Marco Corrao, l’ultima tappa il 26 marzo nella ‘sua’ Capo d’Orlando con Milici

17 Marzo 2017
Il recente concerto di Marco Corrao all’Auditorium Rai

Si chiude, il 26 marzo 2017, con un concerto a Capo d’Orlando nella Pinacoteca comunale “Spazio Loc” alle ore 21:00, lo “Storto Tour” di Marco Corrao.

Per l’occasione, il cantautore orlandino presenterà nuovi brani, nonché  una nuova, importante collaborazione artistica con l’armonicista palermitano Giuseppe Milici.
Accompagnato dalla sua band, composta da Nino Milia alle chitarre e bouzouki, Alba Sofia al contrabbasso, Daniela Giaimo ai flauti e Stefano Sgrò alla batteria, Corrao ripercorrerà un anno di tour per tutto lo stivale tramite le sue canzoni, un mix suadente di saudade e musica mediterranea, Blues, jazz e cantautorato.
Durante la serata verranno proiettati i videoclip di “Marta” di Marco Corrao, girato a Villa Piccolo di Calanovella da Orazio Sturniolo con Vanessa Schiavone ed il video “Kalsa” di Giuseppe Milici, girato a Capo d’orlando da Charlie Fazio con la collaborazione di Federica Lazzara.La proiezione dei video ed il concerto saranno curati dell’ Ass. cult. CrossRoad Club e Spazio LOC con il patrocinio gratuito dell’ Assessorato ai Beni Culturali del comune di Capo d’orlando.
Il 2017 proseguirà per Corrao, con l’uscita del nuovo album in dialetto Nebros, prodotto da Jono Manson e Gabriele Giambertone, tributo alla sua terra natia ed al valore semantico delle tipicità linguistico-dialettali nebrodensi.
Ingresso 8 euro 6 per i tesserati “CrossRoad club” info e prenotazioni : 3926638053 info@crossroad.it
© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.