'Strabuttanissima Sicilia'. Buttafuoco e l'impostura che in Sicilia diventa regola :ilSicilia.it
Palermo

Il libro è stato presentato ieri a Palermo

‘Strabuttanissima Sicilia’. Buttafuoco e l’impostura che in Sicilia diventa regola

di
6 Ottobre 2017

Per Pietrangelo Buttafuoco l’impostura rimane  ancora il problema più grande. Il raggiro, la costruzione, quella sindrome di “ricatto del consenso” a cui i siciliani si espongono, che denuncia da anni, insieme al timore che la sua gente possa incappare ancora una volta nei siciliani dal “baffuzzo furbo”.

Parole di ieri e di oggi. Di un passato di qualche tempo fa che l’autore cerca ancora di esorcizzare dietro un sorriso timido e gentile. Tre anni fa, era il tempo di ‘Buttanissima Sicilia’ (Bompiani), oggi lo scrittore e giornalista siciliano torna sui “luoghi del delitto” con ‘Strabuttanissima Sicilia’ (La nave di Teseo). Quale altra rovina dopo Crocetta?

Si interroga inquieto. Vede nuove insidie, teme ancora agguati.  Asincronie quelle che i siciliani non riescono a spazzare via dentro un tempo malato all’interno del quale basta credere che le cose possano cambiare al suono eterno e immutato di una perenne campagna elettorale dove si infiocchettano illusioni  e si dispensano veli e inganni.

Ieri, in occasione della presentazione del suo nuovo libro al Don Orione di Via Pacinotti a Palermo, accanto a Buttafuoco c’era Totò Cuffaro, camicia jeans  e pantalone casual, che attraversa il solito spazio che lo separa dal suo punto di arrivo, baciando gente, stringendo mani. Una liturgia che solo a lui può riuscire sempre uguale e naturale. Buttafuoco osserva, guarda e si defila. Non vuole profanare quel tempio ancora intatto di un popolo che non si arrende all’idea di non avere più il suo sovrano. Cuffaro incontra i giornalisti, li rimprovera amabilmente : «A volte avete esagerato con me», ma non vuole parlare di politica o almeno ci prova: «La Sicilia ha bisogno di sentirsi presa per mano».

Dentro li attende il giornalista Roberto Puglisi,  che fornisce al dibattito accelerazioni e cambi di passo. Ma il ritmo non manca. Per nulla. Buttafuoco evoca la galleria sinistra degli orrori di legislatura, la solitudine di Lucia Borsellino, il salotto di Giletti dove si abolirono le Province, ma era solo la prima delle sette leggi in materia del quinquennio, le mani frettolosamente strette da Renzi sulle centomila inaugurazioni che hanno lasciato le cose perfettamente uguali a sé stesse e ancora  su Crocetta: «il ricettacolo del pittoresco, a cominciare dalla sofferta drammatica battaglia per la legalità diventata una pantomima imbarazzante».

Il tempo vola, quasi due ore, la gente applaude, si stringe con affetto:  «Non riusciamo ad avere con la verità un rapporto sereno», afferma Buttafuoco che parla della vicenda giudiziaria di Cuffaro senza indulgenza, ma anche con rispettosa attenzione al senso misurato delle cose.

Alla fine a Buttafuoco tocca di firmare un sacco di dediche e autografi. Magari con la mente va ad una delle ultime frasi di Cuffaro che nel salutarlo, davanti a una platea affollatissima, confessa che lo avrebbe votato volentieri come governatore di questa buttanissima terra. Lui alla fine non ci ha pensato. Ha mantenuto il distacco necessario che i grandi amori richiedono a distanza.

Un Buttafuoco irraggiungibile nel consenso già c’è stato. Si prese la soddisfazione di essere deputato all’Ars per 20  anni, sindaco di Nissoria, deputato alla Camera ed europarlamentare. Forse un record per un missino. No, non erano omonimi. Erano zio e nipote. Nino e Pietrangelo. Innamorati fatalmente di una terra che imprigiona le speranze e le restituisce sotto forma di schegge e frammenti a cui ci aggrappiamo nei nostri cammini senza gloria.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin