Strada Bolognetta-Lercara: in attesa di un nuovo finanziamento scattano i primi licenziamenti :ilSicilia.it
Palermo

Inserita nell'accordo una clausola di riassunzione

Strada Bolognetta-Lercara: in attesa di un nuovo finanziamento scattano i primi licenziamenti

di
19 Ottobre 2017

Scatteranno dal 23 ottobre a scaglioni i licenziamenti dei 61 lavoratori impegnati nella realizzazione della Bolognetta-Lercara. L’accordo sulla procedura di mobilità è stato siglato all‘Ispettorato del lavoro, presenti Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil.

I primi 35 operai della Bolognetta Scpa saranno licenziati entro novembre e gli altri entro il 30 aprile 2018. Nell’accordo è stata inserita una procedura per favorire l’assorbimento dei lavoratori licenziati da parte delle aziende affidatarie. La clausola di riassunzione dei lavoratori da parte della contraente generale scatterà sia nel caso di nuove acquisizioni di lavori sulla tratta Bolognetta- Lercara Friddi che relativamente ad altre opere. La clausola di garanzia è stata estesa anche alla Cmc, cooperativa muratori e cementisti di Ravenna, azienda capofila.

Oggi l’assemblea dei lavoratori ha preso atto dell’intesa raggiunta, confidando “nei risvolti positivi dell’accordo e che l’opera continui“.

Intanto lunedì, in occasione della sua visita in Sicilia, il ministro Del Rio ha incontrato una delegazione di lavoratori e sindacalisti di Feneal, Filca e Fillea Palermo per discutere del futuro dell’opera.

E’ necessario un nuovo finanziamento di circa 50 milioni per completare l’opera – dichiarano per la Feneal, la Filca e la Fillea Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra -. Chiediamo che gli impegni presi nell’accordo siano rispettati per consentire la continuità dei lavori e in prospettiva il riassorbimento anche dei lavoratori licenziati. Abbiamo avuto rassicurazioni anche dal livello politico, dai partiti, e dal ministro alle Infrastrutture”.

Dall’incontro dell’11 ottobre scorso con Anas e con l’assessorato Infrastrutture è emerso che, su 187 milioni di euro di stanziamento per le opere edili e tecnologiche, sono stati già spesi fino al 30 settembre 113 milioni di euro.

Restano da spendere 73 milioni di euro, di cui 37 riguardano opere tecnologiche, dalla segnaletica, alla pavimentazione, al guard rail. La restate parte di 36 milioni di lavori verrà realizzata per due terzi (23 milioni) da aziende affidatarie e per un terzo (13 milioni) dall’azienda Bolognetta Scpa.

La Bolognetta Spca ha dichiarato che, senza la definizione della perizia di variante, l’opera potrà procedere fino alla copertura di altri 12 milioni di euro. Tra le ipotesi, per il completamento della strada, c’è anche quella di un nuovo appalto per la variante di 50 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.