Strada Bolognetta-Lercara: in attesa di un nuovo finanziamento scattano i primi licenziamenti :ilSicilia.it
Palermo

Inserita nell'accordo una clausola di riassunzione

Strada Bolognetta-Lercara: in attesa di un nuovo finanziamento scattano i primi licenziamenti

di
19 Ottobre 2017

Scatteranno dal 23 ottobre a scaglioni i licenziamenti dei 61 lavoratori impegnati nella realizzazione della Bolognetta-Lercara. L’accordo sulla procedura di mobilità è stato siglato all‘Ispettorato del lavoro, presenti Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil.

I primi 35 operai della Bolognetta Scpa saranno licenziati entro novembre e gli altri entro il 30 aprile 2018. Nell’accordo è stata inserita una procedura per favorire l’assorbimento dei lavoratori licenziati da parte delle aziende affidatarie. La clausola di riassunzione dei lavoratori da parte della contraente generale scatterà sia nel caso di nuove acquisizioni di lavori sulla tratta Bolognetta- Lercara Friddi che relativamente ad altre opere. La clausola di garanzia è stata estesa anche alla Cmc, cooperativa muratori e cementisti di Ravenna, azienda capofila.

Oggi l’assemblea dei lavoratori ha preso atto dell’intesa raggiunta, confidando “nei risvolti positivi dell’accordo e che l’opera continui“.

Intanto lunedì, in occasione della sua visita in Sicilia, il ministro Del Rio ha incontrato una delegazione di lavoratori e sindacalisti di Feneal, Filca e Fillea Palermo per discutere del futuro dell’opera.

E’ necessario un nuovo finanziamento di circa 50 milioni per completare l’opera – dichiarano per la Feneal, la Filca e la Fillea Ignazio Baudo, Paolo D’Anca e Francesco Piastra -. Chiediamo che gli impegni presi nell’accordo siano rispettati per consentire la continuità dei lavori e in prospettiva il riassorbimento anche dei lavoratori licenziati. Abbiamo avuto rassicurazioni anche dal livello politico, dai partiti, e dal ministro alle Infrastrutture”.

Dall’incontro dell’11 ottobre scorso con Anas e con l’assessorato Infrastrutture è emerso che, su 187 milioni di euro di stanziamento per le opere edili e tecnologiche, sono stati già spesi fino al 30 settembre 113 milioni di euro.

Restano da spendere 73 milioni di euro, di cui 37 riguardano opere tecnologiche, dalla segnaletica, alla pavimentazione, al guard rail. La restate parte di 36 milioni di lavori verrà realizzata per due terzi (23 milioni) da aziende affidatarie e per un terzo (13 milioni) dall’azienda Bolognetta Scpa.

La Bolognetta Spca ha dichiarato che, senza la definizione della perizia di variante, l’opera potrà procedere fino alla copertura di altri 12 milioni di euro. Tra le ipotesi, per il completamento della strada, c’è anche quella di un nuovo appalto per la variante di 50 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin