"Strada degli scrittori", il 6 luglio arriva anche il presidente Mattarella | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Agrigento

l'iniziativa

“Strada degli scrittori”, il 6 luglio arriva anche il presidente Mattarella

di
17 Maggio 2017
Una strada come tante in Sicilia, la statale che collega Caltanissetta ad Agrigento, abbandonata, assolata a tratti impraticabile, diventa un percorso di forte attrattiva culturale e turistica grazie ad un un programma di eventi che la rende punto di collegamento dei comuni dove si festeggiano fino al 6 luglio sei scrittori siciliani.
La statale 640 è ora “La strada degli scrittori”, così l’ha chiamata anche l’Anas che ha riammodernato e rinominato il percorso, piantandovi ai margini grandi pannelli che non passano certo inosservati. Questo perché alcuni dei comuni che attraversa – Agrigento, Caltanissetta, Porto Empedocle, Favara, Racalmuto, Palma di Montechiaro – sono stati luoghi di origine di autori inconfondibili e riconosciuti della letteratura italiana: Luigi Pirandello, Pier Maria Rosso di San Secondo, Andrea Camilleri, Antonio Russello, Leonardo Sciascia e Giuseppe Tomasi di Lampedusa.
Questi luoghi saranno teatro di manifestazioni ed eventi fino al 6 luglio. Il tema dell’edizione 2017 è dedicato al 150esimo della nascita di Luigi Pirandello. Così, il Premio Pirandello della Fondazione Sicilia sarà assegnato per la prima volta ad Agrigento e alla presenza del presidente della Repubblica il prossimo 6 luglio. E’ un filo conduttore che toccherà tutte le tappe e di cui saranno permeati diversi appuntamenti.
Sono numerosi gli eventi in programma: dalla mostra fotografia al convegno di studi, ai laboratori per le scuole; dalla cena letteraria, ed altri momenti di degustazione, all’intrattenimento musicale, fino agli immancabili spettacoli teatrali. Fiore all’occhiello del Festival è la prima edizione del Concorso letterario nazionale “Uno, nessuno e centomila” promosso dal Distretto turistico Valle dei Templi in collaborazione con il Miur. Poi il Master di scrittura coordinato da Massimo Bray, già ministro dei Beni culturali, oggi direttore generale dell’Istituto della enciclopedia italiana. A concludere le celebrazioni del 150esimo sarà la visita di Sergio Mattarella, giorno 6 luglio, alla Valle dei Templi e alla casa natale del drammaturgo, in diretta Rai. Nella stessa giornata la cerimonia del Premio Pirandello per la prima volta, dunque, ad Agrigento.
Una scelta sostenuta dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana Giovanni Ardizzone che ha presentato il programma in una conferenza stampa all’Ars insieme con il vice presidente Giuseppe Lupo e al giornalista Felice Cavallaro. “Sono felice che l’Ars sia stata coinvolta nell’iniziativa insieme alla Fondazione Federico II – ha detto Ardizzone – ringrazio Banca Nuova per aver messo a disposizione un premio che sara’ riconosciuto a una personalita’ dal profilo internazionale”.
L’evento e’ organizzato dall’Associazione strade degli scrittori rappresentata oggi da Cavallaro e di cui fanno parte anche il distretto della Valle dei Templi e diversi soggetti oltre ai comuni interessati, con partner come la Fondazione Treccani e Banca Nuova. Il 30 giugno sara’ comunicato a Roma il nome del vincitore del premio Pirandello che sara’ assegnato dal capo dello Stato ad Agrigento il 6 luglio.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.