16 gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.55
caronte manchette
caronte manchette
Messina

la precisazione

Strade bloccate dalla neve, l’Anas interviene sui Nebrodi

11 gennaio 2019

Dopo l’intervista al presidente del GAL Nebrodi, Francesco Calanna, (LEGGI QUI) sui disagi dei comuni del Messinese dovuti alla neve e al maltempo, arriva la precisazione dell’Anas:

«La strada statale 289 “Di Cesarò”, infatti, non è mai stata chiusa al traffico, anche se è stata una delle arterie più colpite dalle abbondanti nevicate dello scorso fine settimana e nonostante il guasto di una turbina fresaneve utilizzata dalle squadre Anas, immediatamente rimpiazzata da un’altra proveniente da Floresta.

Questo è stato possibile grazie all’impegno di Anas che, durante la scorsa settimana su ogni arteria siciliana di propria competenza interessata dalle abbondanti nevicate, ha messo in campo uomini e mezzi ed ha sparso sul manto stradale oltre 1000 tonnellate di sale, pari a oltre due terzi della quantità solitamente utilizzata in un’intera stagione invernale.

Durante il video, peraltro, si può chiaramente vedere che  l’intervista è stata realizzata a bordo di un’autovettura in grado di circolare senza alcun problema. Le uniche criticità, durante quei giorni, sono state causate da automobilisti che circolavano con veicoli sprovvisti di catene da neve o pneumatici invernali.

Oltre al consueto impegno nelle attività spargisale e spazzaneve, le squadre Anas sono quindi  state impegnate nel soccorrere i veicoli intraversati o impossibilitati a proseguire.

Sarebbe stato importante ascoltare nell’intervista anche una maggiore sensibilizzazione dei cittadini, e in particolare degli automobilisti, all’utilizzo dei dispositivi antisdrucciolevoli, ove imposto dal Codice della Strada e dalle ordinanze Anas».

 

 

LEGGI ANCHE:

Nebrodi bloccati dalla neve, Calanna: “Comuni isolati, la Regione richiami l’Anas” | Video intervista

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Mafia, ladruncoli, o collezionisti seriali?

Quando si sente parlare di opere trafugate, molto spesso si pensa ad un gesto occasionale, magari a cura di balordi o inconsapevoli ladruncoli, che con poca esperienza arraffano alla meglio quello che capita sotto mano.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.