15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22
Messina

la precisazione

Strade bloccate dalla neve, l’Anas interviene sui Nebrodi

11 Gennaio 2019

Dopo l’intervista al presidente del GAL Nebrodi, Francesco Calanna, (LEGGI QUI) sui disagi dei comuni del Messinese dovuti alla neve e al maltempo, arriva la precisazione dell’Anas:

«La strada statale 289 “Di Cesarò”, infatti, non è mai stata chiusa al traffico, anche se è stata una delle arterie più colpite dalle abbondanti nevicate dello scorso fine settimana e nonostante il guasto di una turbina fresaneve utilizzata dalle squadre Anas, immediatamente rimpiazzata da un’altra proveniente da Floresta.

Questo è stato possibile grazie all’impegno di Anas che, durante la scorsa settimana su ogni arteria siciliana di propria competenza interessata dalle abbondanti nevicate, ha messo in campo uomini e mezzi ed ha sparso sul manto stradale oltre 1000 tonnellate di sale, pari a oltre due terzi della quantità solitamente utilizzata in un’intera stagione invernale.

Durante il video, peraltro, si può chiaramente vedere che  l’intervista è stata realizzata a bordo di un’autovettura in grado di circolare senza alcun problema. Le uniche criticità, durante quei giorni, sono state causate da automobilisti che circolavano con veicoli sprovvisti di catene da neve o pneumatici invernali.

Oltre al consueto impegno nelle attività spargisale e spazzaneve, le squadre Anas sono quindi  state impegnate nel soccorrere i veicoli intraversati o impossibilitati a proseguire.

Sarebbe stato importante ascoltare nell’intervista anche una maggiore sensibilizzazione dei cittadini, e in particolare degli automobilisti, all’utilizzo dei dispositivi antisdrucciolevoli, ove imposto dal Codice della Strada e dalle ordinanze Anas».

 

 

LEGGI ANCHE:

Nebrodi bloccati dalla neve, Calanna: “Comuni isolati, la Regione richiami l’Anas” | Video intervista

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.