15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.40

L'annuncio del governo Musumeci

Strade colabrodo, se ne occuperà la Regione: “Ci sostituiremo alle ex province”

21 Febbraio 2019

Ripristinare, quanto prima, una rete di strade provinciali efficiente e sicura: questo l’obiettivo di una convenzione promossa dal governo Musumeci, che vede come interlocutori la Regione e le ex Province dell’Isola.

Il documento, che verrà siglato nei prossimi giorni, è stato al centro di un incontro svoltosi a Palazzo d’Orleans tra il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone e una rappresentanza dei commissari straordinari Liberi consorzi di Comuni.

Presenti anche il segretario generale della presidenza della Regione Maria Mattarella, il dirigente generale del dipartimento regionale delle Infrastrutture, Fulvio Bellomo, e il capo dell’Ufficio speciale per la progettazione, Leonardo Santoro. Il Piano d’azione prevede decine di interventi di ripristino e messa in sicurezza di quelle strade provinciali divenute nel tempo un “colabrodo”.

La drammatica condizione in cui da troppo tempo si trovano ormai le ex Province – sottolinea il governatore Nello Musumeciimpone al governo della Regione la necessità di sostituirsi all’ente intermedio nella riqualificazione della rete viaria. Com’è noto, la Regione non ha alcuna competenza diretta sulla viabilità locale se non quella della pianificazione. Però, la condizione disastrosa in cui si trovano le arterie provinciali non può essere ulteriormente tollerata. Con la convenzione concordata in questo incontro solleveremo di gran parte dei problemi le ex Province e metteremo le strutture della Regione in condizione di intervenire in maniera concreta con un Piano per la viabilità che in tempi celeri dovrà avviare i cantieri in almeno decine di arterie“.

La Regione Siciliana, dunque, viene incontro agli Enti locali per quelle attività di progettazione che gli stessi non riescono a completare, per mancanza di tecnici o professionalità specifiche. E lo fa con uno strumento che rende più facilmente individuabili le esigenze e le criticità del territorio, rendendo cantierabili le opere in tempi che siano in linea con le disposizioni del Governo e le necessità dei cittadini.

Per l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone “questa nostra collaborazione accelererà di gran lunga i tempi, perché le Province hanno due tipi di problemi, da un lato quello della mancata possibilità di accertamento delle somme in entrata, non avendo i bilanci approvati, e poi una carenza di personale“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.