Strade colabrodo, se ne occuperà la Regione: "Ci sostituiremo alle ex province" :ilSicilia.it

L'annuncio del governo Musumeci

Strade colabrodo, se ne occuperà la Regione: “Ci sostituiremo alle ex province”

di
21 Febbraio 2019

Ripristinare, quanto prima, una rete di strade provinciali efficiente e sicura: questo l’obiettivo di una convenzione promossa dal governo Musumeci, che vede come interlocutori la Regione e le ex Province dell’Isola.

Il documento, che verrà siglato nei prossimi giorni, è stato al centro di un incontro svoltosi a Palazzo d’Orleans tra il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone e una rappresentanza dei commissari straordinari Liberi consorzi di Comuni.

Presenti anche il segretario generale della presidenza della Regione Maria Mattarella, il dirigente generale del dipartimento regionale delle Infrastrutture, Fulvio Bellomo, e il capo dell’Ufficio speciale per la progettazione, Leonardo Santoro. Il Piano d’azione prevede decine di interventi di ripristino e messa in sicurezza di quelle strade provinciali divenute nel tempo un “colabrodo”.

La drammatica condizione in cui da troppo tempo si trovano ormai le ex Province – sottolinea il governatore Nello Musumeciimpone al governo della Regione la necessità di sostituirsi all’ente intermedio nella riqualificazione della rete viaria. Com’è noto, la Regione non ha alcuna competenza diretta sulla viabilità locale se non quella della pianificazione. Però, la condizione disastrosa in cui si trovano le arterie provinciali non può essere ulteriormente tollerata. Con la convenzione concordata in questo incontro solleveremo di gran parte dei problemi le ex Province e metteremo le strutture della Regione in condizione di intervenire in maniera concreta con un Piano per la viabilità che in tempi celeri dovrà avviare i cantieri in almeno decine di arterie“.

La Regione Siciliana, dunque, viene incontro agli Enti locali per quelle attività di progettazione che gli stessi non riescono a completare, per mancanza di tecnici o professionalità specifiche. E lo fa con uno strumento che rende più facilmente individuabili le esigenze e le criticità del territorio, rendendo cantierabili le opere in tempi che siano in linea con le disposizioni del Governo e le necessità dei cittadini.

Per l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone “questa nostra collaborazione accelererà di gran lunga i tempi, perché le Province hanno due tipi di problemi, da un lato quello della mancata possibilità di accertamento delle somme in entrata, non avendo i bilanci approvati, e poi una carenza di personale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.