Strade da terzo mondo in Sicilia, la Lega: "Regione si attivi, non c'è più tempo da perdere" :ilSicilia.it
Siracusa

la Riserva Valle dell'Anapo resta isolata

Strade da terzo mondo in Sicilia, la Lega: “Regione si attivi, non c’è più tempo da perdere”

27 Novembre 2018

Strade chiuse in Sicilia per mancanza di manutenzione del territorio. Accade a Siracusa, dove il dipartimento regionale dello sviluppo rurale e territoriale ha interdetto al transito l’ex strada ferrata Siracusa-Ragusa-Vizzini, via di accesso alla Riserva della Valle dell’Anapo dalla parte del comune di Sortino, fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. Critiche arrivano dalla Lega, contraria a provvedimenti di emergenza come la chiusura delle strade al traffico che non siano affiancati da piani di recupero della viabilità.

gelarda
Igor Gelarda

“A Siracusa, come in molte altre zone della Sicilia, è indispensabile che vengano previsti immediatamente gli atti e le dotazioni necessari a ripristinare la viabilità e garantire i collegamenti con aziende, destinazioni turistiche e abitazioni – dice Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali del Carroccio – ma la risposta delle istituzioni alle alluvioni e all’abbandono del territorio non può essere la chiusura a tempo indeterminato di una strada in attesa del ripristino delle condizioni di sicurezza. Semmai si deve attuare una chiusura provvisoria accompagnata da un piano di riapertura e recupero delle strade. La Regione attivi subito un programma per la viabilità interna. Non c’è più tempo da perdere”.

La Valle dell’Anapo con la Riserva naturale orientata di Pantalica sono fra le aree con maggiore potenziale turistico in Sicilia. “In questi anni nel silenzio più assoluto ci sono stati solo un’infinità di divieti imposti dalla Forestale – dice Nello Bongiovanni, consigliere dell’Unione dei comuni Valle degli Iblei che da anni denuncia la cattiva gestione della provincia siracusana – . Questo ha determinato la diminuzione progressiva dei turisti, negli ultimi tempi ormai quasi completamente scomparsi”.

Regioni come il Trentino prosperano grazie alla corretta gestione dei beni ambientali. “In Sicilia invece la cura del territorio è considerata una palla al piede – conclude Gelarda – e non una risorsa che può generare ricchezza e prospettive di lavoro per migliaia di giovani”. 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.