Strade, Falcone: "Dodici milioni di euro per la Pozzallo-Ispica" :ilSicilia.it

La dichiarazione

Strade, Falcone: “Dodici milioni di euro per la Pozzallo-Ispica”

di
2 Giugno 2020

”Era stato il presidente Nello Musumeci, in visita a Pozzallo, ad assumere l’impegno sulla Strada provinciale 46 Pozzallo-Ispica. Oggi manteniamo quella promessa finanziando con ben 12 milioni di euro la costruzione di una strada che il territorio ragusano attendeva da anni”. Lo dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture della Sicilia Marco Falcone, a seguito della delibera della Giunta Musumeci con lo stanziamento in favore della Sp Pozzallo-Ispica. Il primo lotto dell’opera è già in esecuzione, il secondo e il terzo lotto sono in fase di progettazione finale.

”Attraverso un’oculata attività di reperimento e sblocco degli investimenti – illustra Falcone – il Governo Musumeci dà impulso a un’opera dal valore complessivo di 20 milioni di euro, finanziata assieme all’ex Provincia di Ragusa e al Consorzio autostrade siciliane. La Sp 46 metterà in connessione il porto di Pozzallo e l’intero comprensorio alla nuova autostrada Siracusa-Gela, la cui costruzione procede a buon ritmo grazie all’impegno del Governo Musumeci. Dopo la Noto-Pachino completata e l’autostrada – conclude Falcone – aggiungiamo un altro tassello infrastrutturale che cambierà la viabilità del Sud-est siciliano”.

© Riproduzione Riservata
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.