Strade provinciali colabrodo, Pagana (M5S): "Inonderemo di segnalazioni l'assessorato" | Video intervista :ilSicilia.it

L'iniziativa della deputata regionale

Strade provinciali colabrodo, Pagana (M5S): “Inonderemo di segnalazioni l’assessorato” | Video intervista

di
24 Gennaio 2019

Guarda il video in alto

Uno spazio all’interno del proprio sito internet personale dedicato alle denunce dei cittadini che riguardano le strade provinciali dissestate, le buche e la segnaletica illeggibile. Questa l’iniziativa della deputata regionale del Movimento 5 Stelle Elena Pagana.

La sezione è disponibile all’indirizzo www.elenapagana.it/strade. Qui vengono raccolte le segnalazioni, allo scopo di sollecitare gli interventi degli organi preposti a rimettere in sesto il sistema viario. “Vogliamo mettere a disposizione dei cittadini, – spiega Elena Pagana – uno strumento diretto per poter segnalare le criticità relative alla viabilità sulle strade provinciali siciliane. Basterà collegarsi e scaricare un documento da reinoltrare, compilato in tutte le sue parti secondo le modalità indicate. Le segnalazioni verranno puntualmente smistate all’Assessorato alle Infrastrutture nella persona dell’onorevole Marco Falcone. Dobbiamo inondare l’assessorato alle infrastrutture delle segnalazioni dei cittadini”, è l’auspicio di Pagana.

La deputata Ars è stata particolarmente attiva sul fronte infrastrutturale, avendo presentato diverse interrogazioni al governo regionale sullo stato di dissesto delle strade siciliane, con particolare focus alla situazione dell’Ennese. “Dalle delibere di giunta regionale – scrive Elena Pagana – risultano diversi milioni di euro stanziati per la viabilità provinciale ennese; alcuni con la rimodulazione del Patto per il Sud, altri con specifici atti destinati alla Sicilia ed oggetto di convenzione con l’Anas. Di questi 19 milioni di euro non ne abbiamo visto nemmeno uno. E se il disagio che vivono i cittadini aumenta, aumenta anche il mio imbarazzo nel dover dare sempre le stesse risposte, ovvero che ci sono i soldi ma non possiamo usarli – conclude –, come pure quello dei sindaci che raccolgono le istanze dei cittadini senza potersene fare carico attivamente“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47