Strade provinciali, Musumeci: "Aspettiamo ancora la decisione di Toninelli" :ilSicilia.it

La dichiarazione del governatore

Strade provinciali, Musumeci: “Aspettiamo ancora la decisione di Toninelli”

di
13 Marzo 2019

Da quasi quattro mesi attendiamo di sapere cosa il ministro per le Infrastrutture vuole fare per affrontare la drammatica condizione della viabilità provinciale in Sicilia“. Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, replicando alle dichiarazioni del rappresentante del Governo Conte rilasciate in occasione della riapertura di un cantiere sulla strada statale SS640 Caltanissetta-Agrigento.

Abbiamo chiesto – prosegue Musumeci – così come concordato con Toninelli in occasione dell’incontro avuto a Palazzo d’Orleans nello scorso novembre: il riconoscimento dello stato di emergenza; la nomina di un commissario, nella persona del presidente della Regione, con poteri straordinari che possa in pochi mesi aprire i cantieri e avviare i lavori; le risorse finanziarie integrative per far fronte alle centinaia di interventi sulle strade dell’Isola“.

A distanza di tre mesi – conclude il governatore – ci vuol dire il ministro che cosa pensa di fare per affiancare la Regione in questa vasta operazione di riqualificazione delle strade provinciali? Quali poteri, quali risorse e quali tempi?“.

 

LEGGI ANCHE:

Agrigento-Caltanissetta, Conte e Toninelli in Sicilia: “Possiamo chiudere entro giugno 2020”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.