Strage di animali nel Catanese: “Cani e gatti uccisi tra mille sofferenze” :ilSicilia.it
Catania

a San Giovanni La Punta

Strage di animali nel Catanese: “Cani e gatti uccisi tra mille sofferenze”

di
12 Agosto 2021

E’ una strage silenziosa quella che, nel silenzio generale, si sta consumando a San Giovanni La Punta, nel Catanese. Una lunga strage di animali, tra cani di quartiere e gatti di colonie, che ha mandato nello sconforto tutor e volontari ai quali questi animali erano stati affidati dal comune.

Proprio cosi, comune di San Giovanni La Punta che, stando alla legge 15/2000, è l’unico responsabile degli animali sul territorio comunale. L’ultima drammatica morte è quella registrata qualche giorno fa in Via Monaci Mantia, nei pressi di un supermercato, dove due poveri cani sono morti avvelenati tra mille sofferenze. Inutile la richiesta di soccorsi da parte di chi li ha trovati.

Gli agenti della Polizia Locale, addetti alla tutela degli animali, non hanno potuto che constatare il loro decesso. Altra orribile fine è quella che è toccata a Sole, cane di quartiere cresciuto con tanto amore dalla sua tutor, che è stato trovato morto investito nel posteggio comunale di via Macello, di fronte all’ufficio postale. Quando la sua tutor è intervenuta ormai era troppo tardi. Anche in questo caso gli agenti della Polizia Locale, addetti alla tutela animale, non hanno potuto che constatarne il decesso.

Quello che sta succedendo a San Giovanni La Punta, nelle ultime settimane, è a dir poco raccapricciante. – spiega Patrick Battipaglia, Dirigente regionale del Partito Animalista Italiano – Una vera è propria strage di poveri animali indifesi nell’indifferenza generale. Eppure la legge, in tal senso è molto chiara: chi uccide un animale o comunque omette di soccorrerlo va incontro ad una sanzione amministrativa, ma, soprattutto, rischia la reclusione”.

“Quella che è in atto in questo momento a San Giovanni La Punta – prosegue Patrick Battipaglia – è una mattanza. Stiamo cercando tracce o immagini di videosorveglianza che ci possano permettere di incastrare chi ha commesso queste stragi. Fermo restando che anche l’avvelenamento degli animali è punito dalla legge”.

“Chiediamo – conclude Patrick Battipaglia del Partito Animalista Italiano – una maggiore presa di posizione del Sindaco che, in realtà secondo la legge, è il maggiore responsabile della tutela degli animali sul territorio comunale. Nei prossimi giorni, insieme alle volontarie impegnate sul territorio, daremo vita ad una manifestazione di protesta per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa situazione drammatica. Nel frattempo abbiamo fatto un esposto alla Procura della Repubblica contro ignoti Chi avesse visto qualcosa o può aiutarci nella ricerca dei responsabili, può contattarci telefonicamente, anche in forma anonima, al 3471440434″.

Iscriviti a “Il regno degli animali” per rimanere aggiornato e inviaci delle segnalazioni su ilregnodeglianimali@ilsicilia.it.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.