Strage di Capaci: "Dovevamo uccidere Santoro e Baudo" :ilSicilia.it

L'ha dichiarato collaboratore di giustizia Francesco Geraci

Strage di Capaci: “Dovevamo uccidere Santoro e Baudo”

di
12 Febbraio 2020

Oltre a dover uccidere il giudice Giovanni Falcone, dovevamo anche cercare di eliminare Maurizio Costanzo, Michele Santoro e Pippo Baudo per allontanare l’attenzione dalla Sicilia e creare un certo allarme nel centro Italia“. Lo ha detto oggi, mercoledì 12 febbraio, il collaboratore di giustizia Francesco Geraci, durante il processo sulla strage di Capaci che si celebra in Corte d’Assise d’Appello a Caltanissetta nei confronti di cinque imputati.

Dovevano essere uccisi o mettendo del tritolo in un bidone dell’immondizia o in una macchina dove si faceva il Maurizio Costanzo Show. Insieme a Sinacori siamo anche andati a fare un sopralluogo“. Il pentito ha anche detto di non aver visto armi a Roma ma di averle invece viste in Sicilia quando il commando si preparava a partire alla volta della Capitale.

Ha riferito, inoltre,  che ognuno aveva un compito ben preciso e che Messina Denaro diede cinque milioni di lire ciascuno per quella trasferta, ma “A un certo punto arrivò l’ordine di tornare in Sicilia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin