Strage di Capaci: "Dovevamo uccidere Santoro e Baudo" :ilSicilia.it

L'ha dichiarato collaboratore di giustizia Francesco Geraci

Strage di Capaci: “Dovevamo uccidere Santoro e Baudo”

di
12 Febbraio 2020

Oltre a dover uccidere il giudice Giovanni Falcone, dovevamo anche cercare di eliminare Maurizio Costanzo, Michele Santoro e Pippo Baudo per allontanare l’attenzione dalla Sicilia e creare un certo allarme nel centro Italia“. Lo ha detto oggi, mercoledì 12 febbraio, il collaboratore di giustizia Francesco Geraci, durante il processo sulla strage di Capaci che si celebra in Corte d’Assise d’Appello a Caltanissetta nei confronti di cinque imputati.

Dovevano essere uccisi o mettendo del tritolo in un bidone dell’immondizia o in una macchina dove si faceva il Maurizio Costanzo Show. Insieme a Sinacori siamo anche andati a fare un sopralluogo“. Il pentito ha anche detto di non aver visto armi a Roma ma di averle invece viste in Sicilia quando il commando si preparava a partire alla volta della Capitale.

Ha riferito, inoltre,  che ognuno aveva un compito ben preciso e che Messina Denaro diede cinque milioni di lire ciascuno per quella trasferta, ma “A un certo punto arrivò l’ordine di tornare in Sicilia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin