Strage di Capaci, il ricordo delle vittime all'albero Falcone | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Alle 17:57 si è tenuto il minuto di silenzio

Strage di Capaci, il ricordo delle vittime all’albero Falcone | VIDEO

23 Maggio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Nella ricorrenza del 28° anniversario della strage di Capaci, una piccola folla di persone si è riunita nei pressi di quello che è stato ribattezzato come “albero Falcone“, sito in via Notarbartolo a Palermo.

Alle 17.57 è stato eseguito un minuto di silenzio in ricordo di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli uomini della scorta che il 23 maggio 1992 persero la vita. Alle celebrazione presente anche il sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando.

I ragazzi della Fondazione Falcone hanno tenuto a ringraziare tutti coloro i quali hanno lavorato in questi due mesi di lockdown. Per questi motivo, a leggere i nomi delle vittime di mafia sono state undici persone in rappresentanza di altrettante categorie lavorative. Un lungo applauso ha accompagnato i nomi di ogni vittima.

Infine, a moderare la manifestazione e far rispettare le distanze di sicurezza vi erano gli uomini della Protezione Civile.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.