Strage di Capaci, nuove rivelazioni: "Coinvolta una donna dei servizi segreti libici" :ilSicilia.it
Palermo

IL PENTITO PIETRO RIGGIO CONTINUA A PARLARE

Strage di Capaci, nuove rivelazioni: “Coinvolta una donna dei servizi segreti libici”

di
24 Ottobre 2019

Nella strage di Capaci sarebbe stata coinvolta anche una “donna appartenente ai servizi segreti libici”. È questo il nuovo dettaglio che si apprende dai verbali finiti agli atti del processo Capaci-bis. A raccontare il nuovo retroscena è il pentito Pietro Riggio, 54 anni, ex agente delle Polizia Penitenziaria e reggente della famiglia mafiosa di Caltanissetta, e collaboratore di giustizia dal 2009.

Oltre al racconto riportato ieri («un ex poliziotto che chiamavano il “turco” mise l’esplosivo sotto l’autostrada»), oggi emergono nuovi passaggi dell’interrogatorio, riportati dall’agenzia Adnkronos.

Secondo quanto avrebbe appreso il pentito di mafia, “Brusca ancora è convinto di avere schiacciato lui il telecomando”. 

L’ipotesi del cosiddetto “doppio cantiere” per la realizzazione della strage, e dunque un secondo telecomando, potrebbe essere tornata dunque al centro delle indagini.

Brusca ha più volte raccontato di aver esitato prima di premere il pulsante. L’auto di Falcone infatti rallentò poco prima della curva per Capaci per la nota vicenda del mazzo di chiavi restituito all’autista Giuseppe Costanza (seduto dietro).

Giuseppe Costanza, l'autista di Giovanni Falcone, sopravvissuto alla strage di Capaci. ANSA/CESARE ABBATE
Giuseppe Costanza. ANSA/CESARE ABBATE

La Croma andava comunque a forte velocità: sull’ordine di 158 Km/h, come risulta dalla lancetta del contachilometri della prima macchina di scorta. Nonostante l’esitazione di Brusca, la forte velocità dell’auto e l’improvviso rallentamento per la restituzione delle chiavi, l’attentato riuscì lo stesso. L’auto di Falcone fu investita dall’onda d’urto. L’unico superstite fu proprio Costanza.

Come ha precisato il pm Nino Di Matteo «Ci sono ancora indagini in corso per capire se insieme a uomini della mafia ci fossero soggetti che avrebbero potuto aiutare a realizzare quell’attentato tecnicamente così difficile. È un attentato davvero clamoroso e difficile da preparare. Nella visione di chi l’ha fatto è riuscito benissimo. Sono morti coloro i quali dovevano morire, ma non vennero provocate conseguenze nei confronti degli altri che passavano per la strada. Un’operazione criminale perfettamente riuscita».

La rivelazione del presunto coinvolgimento di una donna dei servizi libici nell’attentato, potrebbe forse collegarsi ad un altro mistero: il rinvenimento a soli 63 metri dal cratere di Capaci di due guanti in lattice (reperti “4A” e “4B“). Sul “Reperto 4A” tracce di DNA maschile che ad oggi non hanno un riscontro. Non apparterrebbe a nessuno dei mafiosi condannati per la strage. Dai guanti però è stata isolata anche una traccia di DNA femminile, rimasto senza nome.

strage di capaciNelle nuove rivelazione del pentito Riggio, parlando di un ex poliziotto, di cui cita anche il nome – secretato – racconta che sarebbe stato proprio l’ex poliziotto a dirgli che “per le operazioni particolari si avvaleva spesso di una donna che faceva parte dei servizi libici, anche lei coinvolta nella strage di Capaci”.

Pare che l’ex poliziotto “frequentasse la Sicilia dagli anni ’90” ma “non mi ha mai detto espressamente che era presente alla strage di Capaci”. 

“Mi disse che si erano avvalsi per la strage di Capaci dei servizi segreti libici”. La frase venne poi raccontata a un altro codetenuto di Riggio, di cui fa il nome, e dice: “Glielo raccontai e questi mi disse che effettivamente il suocero” dell’ex poliziotto era un appartenente ai servizi segreti libici”. Sempre Riggio dice di avere appreso dal contenuto che “mi disse che” l’ex poliziotto “era al Sismi e che il suocero era nei servizi libici e che stava a Catania”. “Non si mostrò sorpreso quando gli dissi queste cose”, conclude Riggio.

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di Capaci: ecco tutti i misteri irrisolti

“Ex poliziotto mise l’esplosivo sotto l’autostrada”, l’ultima rivelazione sulla Strage di Capaci

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin