Strage di Capaci: "Sembrava Beirut", parlano i Vigili del fuoco che hanno soccorso Falcone | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

L'anniversario dei 28 anni

Strage di Capaci: “Sembrava Beirut”, parlano i Vigili del fuoco che hanno soccorso Falcone | VIDEO

23 Maggio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Lo scenario era di guerra tipo Beirut”. Parla l’ex onorevole Pino Apprendi capo squadra dei vigili del fuoco che il 23 maggio 1992 ha estratto i corpi degli agenti, di Giovanni Falcone e il magistrato Morvillo subito dopo lo scoppio dei 400 kg del tritolo che ha fatto saltare in aria le due autovetture blindate nell’autostrada a Capaci.

L’ingegner Giuseppe Montesanto presente sul posto quel giorno ha detto: “Avevo l’incarico di ispettore regionale dei vigili del fuoco della Sicilia. Quel weekend avevo deciso di andare a San Vito Lo Capo. Arrivata la notizia ho deciso di mettermi in auto e giungere sul posto della strage. L’autovettura di Falcone era al centro della carreggiata. A prima vista non si vedeva la macchina degli uomini della scorta che era finita nelle campagne. Ad oggi ancora troppe cose non sono state risolte in questo attentato”.

Quel giorno ha operato come capo reparto dei vigili del fuoco anche Salvatore Maltese, “Parlare di quel giorno mi mette tristezza. Mentre ci avvicinavamo vedevamo solo polvere e detriti. Arrivati a destinazione sembrava uno scenario di guerra. Tutto a torno il silenzio. Il resto è storia”.

Il telefonista Aldo di Trapani racconta che era una giornata di sabato tranquilla quando alle 17.57 “ho ricevuto una telefonata che mi ha fatto gelare il sangue”.

 

 

LEGGI ANCHE:

ESCLUSIVO. Speciale strage di Capaci, Genchi: “Falcone lasciato solo, odiato e invidiato da tutti” | VIDEO

I buchi neri della Strage di Capaci: ecco tutti i misteri irrisolti

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.