Strage di Ustica, Cassazione: ministeri devono maxi risarcimento pure a Itavia :ilSicilia.it
Palermo

In ballo 265 milioni di euro

Strage di Ustica, Cassazione: ministeri devono maxi risarcimento pure a Itavia

di
22 Maggio 2018

Per “omessa attività di controllo e sorveglianza della complessa e pericolosa situazione venutasi a creare nei cieli di Ustica, il Ministero della Difesa e quello delle Infrastrutture devono risarcire la compagnia aerea Itavia fallita dopo l’abbattimento del suo Dc9 caduto in mare il 27 giugno 1980 con 81 vittime per “l’esplosione esterna dovuta a missile lanciato da altro aereo”. Lo ha deciso la Cassazione confermando la responsabilità dei ministeri: tra qualche mese stabilirà se 265 milioni di euro bastano o sono troppi.

Inammissibile” è stato dichiarato, dalla Sezioni Unite civili della Cassazione, il ricorso con il quale Difesa e Infrastrutture hanno contestato di essere responsabili della caduta del volo I-Tigi – partito 38 anni fa da Bologna e diretto a Palermo – per “fatto illecito” costituito dall’omesso controllo dei cieli, così come stabilito dalla Corte di Appello di Roma con due distinti verdetti del 2012 e del 2013 nei quali i magistrati capitolini avevano dato il via libera alla richiesta risarcitoria portata avanti da Itavia in amministrazione straordinaria.

usticaLa compagnia aerea, costretta a chiudere i battenti da una campagna denigratoria, era stata fondata dall’imprenditore marchigiano Aldo Davanzali, morto nel 2005. Poi a prendere il testimone nella battaglia contro lo Stato italiano, difeso anche in Cassazione dall’Avvocatura erariale, erano state le figlie Luisa e Tiziana. Nonostante il governo Letta avesse deciso di non fare più ricorso contro il diritto dei familiari delle vittime di Ustica ad essere risarciti, dalla ‘pax‘ era stata esclusa Itavia e infatti la contesa continua ed ora è arrivata alle battute finali.

Adesso sarà la Terza sezione civile della Cassazione, nei prossimi mesi, a stabilire se i 265 milioni di euro liquidati dalla Corte di Appello bastano o sono troppi per risarcire la compagnia fallita. Dalla cifra, per decisione degli ‘ermellini‘, devono essere tolti i circa 3 miliardi e 800 milioni di vecchie lire che Itavia nel 1980 ottenne da Assitalia che liquidò così la perdita del Dc9 il cui valore la ctu aveva stimato in meno della metà, circa un miliardo e 586 milioni di lire.

LE REAZIONI.

Giovanardi: “Nessun missile. Cassazione civile vs Cassazione Penale”

giovanardi“La Cassazione Civile con sentenza passata in giudicato ha ulteriormente ribadito che gli italiani dovranno sborsare altri 265 milioni di euro a favore di Itavia per una battaglia aerea che la Cassazione Penale con sentenza passata in giudicato ha stabilito non essere mai avvenuta, accertando al di là di ogni dubbio che nessun missile ha mai colpito il DC9″. Lo sostiene l’ex senatore Carlo Giovanardi (Idea Popolo e Libertà).
“Nel corso del processo penale – ricorda Giovanardi – è stata depositata una perizia, firmata da 11 dei più autorevoli esperti mondiali in cui si certifica che il DC9 Itavia è esploso a causa di una bomba collocata nella toilette di bordo, mai smentita da perizie successive. L’associazione ‘Per la verità su Ustica’, presieduta dalla signora Giuliana Cavazza, che perse la madre nella tragica esplosione del DC9, continuerà a battersi perché l’Italia non continui ad essere dileggiata in tutto i mondo per queste incredibili contraddizioni“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin