Strage di Ustica, confermato il taglio dei risarcimenti ai familiari :ilSicilia.it

RESPINTO IL RICORSO DEI MINISTERI DELLA SALUTE E DEI TRASPORTI

Strage di Ustica, confermato il taglio dei risarcimenti ai familiari

di
18 Settembre 2020

Confermato, dalla Cassazione, il ‘taglio’ dei risarcimenti per i familiari delle vittime della strage di Ustica, così come deciso dalla Corte di Appello di Palermo il 7 luglio 2017.

I supremi giudici hanno infatti respinto il ricorso con il quale il Ministero della Difesa e quello delle Infrastrutture e dei Trasporti chiedevano una ulteriore ‘limatura’ agli importi, non meglio specificati, ma si tratta di alcune decine di milioni di euro.

Gli ‘ermellini’ hanno rigettato anche la richiesta di alcuni dei parenti delle vittime – non sono infatti tutte rappresentate dagli stessi avvocati – che volevano ripristinare il diritto a ricevere tutti gli indennizzi previsti dalle normative che nel tempo si sono succedute in favore di chi ha perso una persona cara nelle stragi dei ‘misteri d’Italia’, così come era stato stabilito in primo grado.

Rifiutando di rimettere mano agli importi per diminuirli, la Suprema Corte ha risposto all’Avvocatura dello Stato – che rappresenta i ministeri coinvolti – che “non è ravvisabile nella sentenza” emessa dalla Corte di Palermo “l’errore di diritto dedotto dalle Amministrazioni statali, non avendo la Corte di Appello limitato la detrazione ai soli importi delle rate dell’assegno vitalizio materialmente già corrisposte alla data della decisione, ma avendo esteso la decurtazione dell’intero importo capitalizzato dell’assegno vitalizio, indicando anche il criterio di computo“.

Il verdetto è stato deposito oggi dalla Terza sezione civile della Cassazione, presidente Roberta Vivaldi, relatore Stefano Oliveri, sentenza 19629. In favore di uno dei familiari delle vittime, è stato corretto l’errore materiale della sentenza d’appello che gli aveva attribuito al ribasso la cifra dell’indennizzo, ora praticamente raddoppiata. Una parte dei familiari delle vittime che hanno preso parte al ricorso è stata difesa dall’avvocato Alfredo Galasso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin