Strage di Ustica: un mistero lungo 42 anni :ilSicilia.it
Palermo

L'anniversario

Strage di Ustica: un mistero lungo 42 anni

di
27 Giugno 2022

Verità opache, dubbi e vicende processuali complesse. A 42 anni dal disastro aereo del 27 giugno 1980, sono ancora tanti i sospetti che aleggiano attorno all’incidente che portò l’aereo DC9 della compagnia Itavia a schiantarsi tra le acque del Mar Tirreno meridionale, nel tratto compreso tra le isole italiane di Ponza e Ustica.

Decollato da Bologna destinazione Palermo, il velivolo non giunse mai a destinazione. Ottantuno le vittime, di cui tredici bambini, solo trentanove i corpi ritrovati. Appena qualche giorno fa, su questa terribile vicenda che resta, una ferita nella memoria della storia italiana, si sono riaccesi i fari. Del resto, le ipotesi sulla dinamica dell’incidente sono state, fin dall’inizio, tante e controverse. A distanza di anni, resta comunque la sensazione, almeno nell’immaginario collettivo che, ciò che accadde esattamente all’aereo prima di sparire dai radar, per poi a essere ritrovato in pezzi in mare, non sia mai stato mai chiarito fino in fondo. Testimonianze, inchieste giornalistiche, perizie, centinaia di udienze e sentenze hanno provato a mettere la parola fine a questo disastro ma, ancora oggi, periodicamente, tornano fitte le nubi di questa vicenda.

Tra chi parla ancora di depistaggi e bugie, di attentati, missili, battaglie aeree, tentativi di minare gli equilibri tra Stati, c’è chi continua a premere affinché il Governo e le istituzioni italiane (e non solo), consegnino gli ultimi, importanti pezzi di verità. Pretestuose polemiche o ricerca di verità e giustizia?

Credo sia imminente il deposito degli atti dell’inchiesta bis, che va avanti da tanti anni e ha recuperato molti frammenti del mosaico che consente di ricostruire e confermare l’attendibilità di quanto è stato fino ad ora accertato, e cioè che l’aereo è stato abbattuto nel corso di un conflitto in cui non era chiaramente l’obiettivo, ma ha finito per esserlo“. Lo ha detto l’avvocato Alessandro Gamberini, legale dell’Associazione parenti delle vittime della strage di Ustica.

Gli atti non sono ancora tutti noti, ma da quelli che sono a mia conoscenza si desumono circostanze interessati, tra cui la presenza di una portaerei che in precedenza non era stata così identificata. Diciamo che è una vicenda che per alcuni aspetti rimane ancora misteriosa, ma è un mistero relativo a chi ha abbattuto il Dc9, non a come si è giunti a questo. Non penso che il processo penale – ha aggiunto Gamberini – sia un gioco dell’oca in cui si deve tornare sempre al punto di partenza, lo dico perché ho letto dichiarazioni in cui si chiedono singolari sequestri, in una vicenda in cui non c’è nulla da sequestrare. L’esclusione della bomba a bordo non fu presa a cuor leggero, anche da parte nostra. Quando fu esclusa la bomba era perché c’erano mille ragioni tecniche che la escludevano. Dell’ipotesi bomba non tornava nulla. Chi fa ancora queste ipotesi è perché non ha seguito questa vicenda. Sono polemiche strumentali“.

Per Gamberini l’indagine della Procura di Roma sarà archiviata, perché i responsabili sono rimasti ignoti, quindi “il tema diventa politico, non più giudiziario“. Quindi Draghi potrebbe chiedere a Macron un aiuto in questo senso? “Questo certamente si“, ha risposto l’avvocato Gamberini.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro