Svolta sulla strage di via D'Amelio, Di Matteo: "Siamo a un passo dalla verità" :ilSicilia.it
Palermo

in audizione davanti al Csm

Svolta sulla strage di via D’Amelio, Di Matteo: “Siamo a un passo dalla verità”

di
17 Settembre 2018

Un muro di gomma che potrebbe essere finalmente squarciato. La verità sulla strage di via D’Amelio, stando alle parole del pm Nino Di Matteo, potrebbe arrivare al più presto.

“Non è giusto che questi magistrati siano oggi accostati a depistaggi e questa accusa è strumentale a chi non vuole che si vada avanti”, ha aggiunto, parlando di “prezzi altissimi” pagati da lui stesso e dai suoi familiari per l’accertamento della verità.

Secondo il magistrato “La prima azione di depistaggio è la sottrazione dell’agenda rossa” e indica questa vicenda tra quelle da approfondire. Non c’è alcun dubbio che Paolo Borsellino tenesse un’agenda rossa che gli era stata regalata dai carabinieri e che quel giorno l’avesse con sé”.

Nino Di Matteo

Non c’è alcun dubbio che avesse annotato con particolare ansia circostanze che aveva scoperto, cose molto gravi. E non c’è alcun dubbio che in quel momento c’era una trattativa tra il Ros e Riina con l’intermediazione di Ciancimino”.

“Oggi si sa anche che Borsellino il 15 luglio aveva parlato alla moglie di un alto ufficiale del Ros che prima gli era amico. I mafiosi hanno fatto la strage ma il furto dell’agenda rossa non può essere stato fatto da chi ha premuto il pulsante“.

Poi Di Matteo si è soffermato sulla difesa del proprio operato. “Il primo processo Borsellino non l’ho seguito io e del ‘bis’ mi sono occupato solo della fase dibattimentale. E non è vero che quel processo è basato solo sulle dichiarazioni di Scarantino“. 

“Noi ci siamo resi conto che la sua attendibilità era limitata , tant’è che nei confronti di 3 dei 7 soggetti che ha chiamato in causa abbiamo chiesto l’assoluzione e lui non lo abbiamo inserito tra i testi”.

Il magistrato ha poi fatto i nomi di Ilda Boccassini, Fausto Cardella e Francesco Paolo Giordano invitando il Csm a sentirli. “Non ho visto chiamare qui i magistrati che hanno fatto le indagini che hanno portato all’arresto di Scarantino.

Erano loro che si occuparono delle prime indagini sulla strage di via D’Amelio e con lui giovane pm, racconta, loro nemmeno parlavano. “Non ho mai parlato nemmeno con La Barbera  allora a capo del pool investigativo”.

 

Leggi anche: 

Strage via D’Amelio, giudici: “La trattativa Stato-mafia accelerò la morte di Borsellino”

Fiammetta Borsellino rivolge tredici domande allo Stato: “Tutta la verità sulla strage di via D’Amelio”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco