Svolta sulla strage di via D'Amelio, Di Matteo: "Siamo a un passo dalla verità" :ilSicilia.it
Palermo

in audizione davanti al Csm

Svolta sulla strage di via D’Amelio, Di Matteo: “Siamo a un passo dalla verità”

di
17 Settembre 2018

Un muro di gomma che potrebbe essere finalmente squarciato. La verità sulla strage di via D’Amelio, stando alle parole del pm Nino Di Matteo, potrebbe arrivare al più presto.

“Non è giusto che questi magistrati siano oggi accostati a depistaggi e questa accusa è strumentale a chi non vuole che si vada avanti”, ha aggiunto, parlando di “prezzi altissimi” pagati da lui stesso e dai suoi familiari per l’accertamento della verità.

Secondo il magistrato “La prima azione di depistaggio è la sottrazione dell’agenda rossa” e indica questa vicenda tra quelle da approfondire. Non c’è alcun dubbio che Paolo Borsellino tenesse un’agenda rossa che gli era stata regalata dai carabinieri e che quel giorno l’avesse con sé”.

Nino Di Matteo

Non c’è alcun dubbio che avesse annotato con particolare ansia circostanze che aveva scoperto, cose molto gravi. E non c’è alcun dubbio che in quel momento c’era una trattativa tra il Ros e Riina con l’intermediazione di Ciancimino”.

“Oggi si sa anche che Borsellino il 15 luglio aveva parlato alla moglie di un alto ufficiale del Ros che prima gli era amico. I mafiosi hanno fatto la strage ma il furto dell’agenda rossa non può essere stato fatto da chi ha premuto il pulsante“.

Poi Di Matteo si è soffermato sulla difesa del proprio operato. “Il primo processo Borsellino non l’ho seguito io e del ‘bis’ mi sono occupato solo della fase dibattimentale. E non è vero che quel processo è basato solo sulle dichiarazioni di Scarantino“. 

“Noi ci siamo resi conto che la sua attendibilità era limitata , tant’è che nei confronti di 3 dei 7 soggetti che ha chiamato in causa abbiamo chiesto l’assoluzione e lui non lo abbiamo inserito tra i testi”.

Il magistrato ha poi fatto i nomi di Ilda Boccassini, Fausto Cardella e Francesco Paolo Giordano invitando il Csm a sentirli. “Non ho visto chiamare qui i magistrati che hanno fatto le indagini che hanno portato all’arresto di Scarantino.

Erano loro che si occuparono delle prime indagini sulla strage di via D’Amelio e con lui giovane pm, racconta, loro nemmeno parlavano. “Non ho mai parlato nemmeno con La Barbera  allora a capo del pool investigativo”.

 

Leggi anche: 

Strage via D’Amelio, giudici: “La trattativa Stato-mafia accelerò la morte di Borsellino”

Fiammetta Borsellino rivolge tredici domande allo Stato: “Tutta la verità sulla strage di via D’Amelio”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro