Strage Licata, Pira: "Recuperare il senso del vivere civile e della famiglia" :ilSicilia.it

Strage Licata, Pira: “Recuperare il senso del vivere civile e della famiglia”

di
26 Gennaio 2022

Uccidere per un pozzo ed una coltivazione di carciofi. Far finire la vita al proprio fratello e alla cognata, spezzare i sogni di una ragazza e di un bambino. Impossibile trovare qualcosa di razionale pur cercandola, peraltro in una famiglia di persone incensurate, autorizzate anche all’uso di armi”. Francesco Pira, professore associato di sociologia dei processi culturali e comunicativi all’Università di Messina, in una intervista all’Adnkronos, si dice “sconvolto da questo terribile fatto di sangue accaduto nella sua città d’origine”, Licata.

“Penso al dolore che hanno provato le compagne e i compagni di scuola di questi due ragazzi nel vedere stamani due sedie vuote– dice – Quello che è più inquietante è che tutto è avvenuto in una tranquilla giornata di pandemia e ha sconvolto tutta la comunità, ancora incredula.Più passavano le ore e più si definivano i contorni della strage; più sembravano incomprensibili le cause di un gesto così assurdo ed eccessivo. Certo non è la prima volta che per questioni di proprietà si uccide. Ma perché coinvolgere in un regolamento di conti anche i più piccoli. Perché far pagare loro un tributo di sangue. E allo stesso tempo perché non discutere e uccidere a bruciapelo il fratello e la moglie. Per alcune ore ci siamo sentiti tutti dentro un film horror. Il livello di cattiveria e di violenza quotidiana ha superato ogni limite. Per questo bisogna lavorare a percorsi seri, con i più giovani di educazione ai sentimenti. Dobbiamo recuperare- conclude il professor Pira- il senso del vivere civile e del rispetto degli altri e delle regole. Bisogna recuperare il senso della comunità e il valore della famiglia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.