Street art e "Rambla Papireto", ecco il progetto per far rinascere il quartiere Danisinni :ilSicilia.it
Palermo

Il progetto dell'Accademia di Belle Arti di Palermo per valorizzare il percorso Unesco

Street art e “Rambla Papireto”, ecco il progetto per far rinascere il quartiere Danisinni

di
18 Maggio 2017
Un progetto di rigenerazione urbana e inclusione sociale in chiave artistica per valorizzare il percorso Arabo-normanno (patrimonio Unesco). È questo lo scopo di “Rambla Papireto” un progetto ideato dall’Accademia di Belle Arti di Palermo col sostegno del Comune per il recupero estetico del quartiere Danisinni.

 

«L’antico quartiere, la cui storia si mescola alla leggenda – si legge nella nota stampa – è oggi scenario di una rivoluzione artistica e sociale. Poco distante dalle monumentali statue dei Mori che adornano la facciata di Porta Nuova, su  cui capeggia la cupola di maioliche con l’aquila simbolo della città, sorge Danisinni. L’antico quartiere, la cui storia si mescola alla leggenda, è oggi scenario di una rivoluzione artistica e sociale che prende il nome di Rambla Papireto. Il progetto rientra anche nelle iniziative “Palermo Capitale dei Giovani 2017“».
A collaborare al progetto tre associazioni, tra le più attive in campo sociale e artistico a Palermo: CaravanSerai, Circ’All e NEU, a cui è stata affidata la conduzione di laboratori di street art e circo sociale destinati ai giovani del quartiere e agli studenti dell’ABA. Ai soli allievi dell’Accademia sono invece rivolti i laboratori di comunicazione diretti da NEU, finalizzati alla promozione dell’intero progetto attraverso i nuovi canali di comunicazione e una campagna crowdfunding.

 

Rambla PapiretoLo scorso 9 maggio il primo laboratorio di street art ha dato il via al progetto. I bambini del quartiere hanno incontrato gli studenti dell’Accademia che, guidati dagli artisti muralisti di Caravanserai, hanno dipinto a quattro mani su grandi fogli di carta, dando vita alle prime colorate creazioni. «Un inizio dal forte impatto emotivo che si appresta a tratteggiare la storia di un quartiere deciso a cambiare. Complessivamente gli incontri saranno 16, otto per ciascun laboratorio, della singola durata di due ore, e si concluderanno il prossimo giugno».
Sulla pagina Facebook di “Rambla Papireto” e “DanisinniLab” sarà possibile consultare il calendario degli incontri e seguire passo dopo passo le evoluzioni di questo spettacolare progetto. «L’obiettivo è portare bellezza in un quartiere altamente disagiato che paga lo scotto di un’emarginazione sociale in atto da anni, causata da condizioni di deprivazione e di svantaggio economico, bassa scolarizzazione e alto tasso di disoccupazione. Il coinvolgimento degli abitanti, soprattutto dei giovani, mira a risvegliare in loro il senso del bene comune e dell’appartenenza attraverso l’arte. Riscoprendo la propria bellezza Danisinni potrà riscattare una storia personale antica e dimenticata, da condividere poi con il resto della città che poco conosce questo piccolo atollo verde sorto secoli fa sul letto del fiume Papireto».
Rambla Papireto «Sarà una grande opera d’arte collettiva – spiegano i professori Valentina Console ed Enzo Patti, docenti dell’Accademia e ideatori del progetto – a cui prenderanno parte allievi, docenti, artisti che hanno dato la propria disponibilità, in collaborazione con ragazzi delle scuole cittadine e del territorio di Danisinni. È necessario infatti, non soltanto rendere bello e interessante per i turisti questo luogo, ma lanciare un forte segnale di rinascita e di apertura di uno scambio cittadino intorno a questa piazza».

 

Rambla Papireto è l’evoluzione di un processo visionario avviato nel 2015 con DanisinniLab dall’Accademia di Belle Arti di Palermo. Il progetto, ideato dalla professoressa Valentina Console con gli allievi del corso di Scenografia, è riuscito a trasformare in orti sociali e fattoria a uso della comunità la naturale depressione della piazza, con i suoi terreni abbandonati circondati da case costruite intorno. Un polmone verde, restituito alla sua antica vocazione, di ben diecimila ettari di terreno donati, in comodato d’uso alla Parrocchia Sant’Agnese, dalla professoressa Angela La Ciura, docente dell’Accademia e storica dell’arte.
A distanza di due anni, il progetto Rambla Papireto riavvia il processo di rigenerazione urbana ai Danisinni, grazie al sostegno del Comune di Palermo e del direttore dell’Accademia di Belle Arti, il professore Mario Zito.

 

Il quartiere si avvia a essere un incubatore sociale, culturale e artistico unico in cui gli abitanti diventano protagonisti, imparando a confrontarsi e a progettare con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti, i suoi docenti e gli artisti che hanno sposato l’iniziativa. Un percorso pensato e costruito in accordo con la parrocchia Sant’Agnese e la Confraternita dei Danisinni, punti di riferimento della comunità, che vedono in queste iniziative una possibilità di riscatto collettivo, ma anche un’opportunità lavorativa per i giovani del quartiere e gli studenti.
Rambla Papireto è infatti l’incipit di un processo virtuoso e creativo che mira alla trasformazione del quartiere, con la sua piccola piazza e le case a grappolo, in galleria d’arte a cielo aperto; residenza d’artista che possa ospitare giovani studenti dell’Erasmus e artisti stranieri; laboratorio culturale e luogo di eventi che coinvolga la città; ma anche percorso turistico-artistico, quando sarà completata l’opera di recupero e ripristino dello storico collegamento arabo-normanno tra Palazzo Reale e lo splendido Castello della Zisa, che passa proprio per Grotta Danisinni.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin