Street Food Fest, 25mila kg di cibo venduto e momenti spiacevoli con la vendita di biglietti falsi [Gallery] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il piatto vincente è Thailandese: il Pad Thai

Street Food Fest, 25mila kg di cibo venduto e momenti spiacevoli con la vendita di biglietti falsi [Gallery]

di
24 Aprile 2017

La seconda edizione dello Street Food Fest è stata inequivocabilmente un successo. La via Roma, dalla stazione centrale fino a piazza San Domenico, è stata un fiume di gente per tutti e quattro i giorni (dal 20 al 23 aprile). Un pubblico delle grandi occasioni, curioso di provare i trentacinque piatti provenienti da tutto il mondo. Secondo gli organizzatori, al festival sono transitati oltre 600mila visitatori.

A salire sul gradino più alto del Premio Palermo Street Food Fest il Pad Thai, spaghetti di riso thailandesi con salsa di tamarindo e granella di arachidi tostata.

Ma se c’è chi di fronte alla curiosità per un nuovo piatto ha pazientemente atteso il suo turno, c’è anche chi aguzza l’ingegno, e davanti ai numeri strepitosi di questa manifestazione, ha ben deciso di falsificare i ticket con cui acquistare il cibo. Sono stati circa una decina i biglietti falsi rinvenuti tra la gente, ma si teme che quelli messi in circolazione siano stati in numero ben superiore.

I ticket falsi sono stati riconosciuti e immediatamente bloccati dall’organizzazione che si è prontamente accorta del tentativo di truffa e ha sollecitato le forze dell’ordine, i falsari però rimangono ancora non identificati. E dunque, a piede libero…

Tornando alla manifestazione, questa la classifica dei cibi che hanno conquistato i palermitani con numeri da record, stimati 25mila kg di cibo consumati in tre giorni: il primo classificato è il Pad Thai (THAILANDIA) dello Chef Pantila Rattanang, Associazione Siam Thai club; secondo classificato: Pizza Fritta Napoletana (NAPOLI) di Don Vera Pizza Fritta, di Alfonso Masseo e soci. 

Terzo classificato: Tunnu Tunnu, panino di grani antichi e porchetta di tonno preparato da Assud, una società di Marsala. Durante i 4 giorni della kermesse sono stati serviti più di 5000 mila porzioni di pad thai, circa 2000 kurtos, 5287 pizze fritte, più di 3500 iris fritte con la ricotta, oltre 7000 cassatelle di Castellammare, oltre 500 kili di patate fritte, più di 4000 salsicce di Palazzolo Acreide, più di 2 mila coixinha brasiliane, 3265 arancine, oltre 12 mila arrosticini, 4982 hamburger di Cinisara, 6700 panini con la porchetta di Ariccia, 4 mila panini con porchetta di tonno, oltre ad un numero ancora imprecisato di cannoli, panelle e crocchè, stigghiole, focacce con la milza, kebab, falafel, crescentine con salumi di Parma e tantisismi altri. In molti si sono lamentati dopo la chiusura anticipata dello stand di porchetta di Ariccia, che aveva venduto tutto già alle 20 di domenica.

“Palermo si è dimostrata una città ordinati e composta, gli avventori hanno fatto anche due ore e mezza di fila per assaggiare le varie pietanze senza mai lamentarsi. – ha dichiarato Davide Alamia, organizzatore del Palermo Street Food Fest – è stato emozionante vedere una risposta così generosa da parte dei cittadini alla nostra iniziativa. Vogliamo ringraziare i nostri sponsor e i nostri partner, senza i quali questa manifestazione non potrebbe esistere e il Comune di Palermo. Un ringraziamento particolare va alla Rap che ci ha supportato nel mantenere pulita via Roma durante i quattro giorni dell’evento. Fondamentale inoltre il contributo delle forze dell’ordine, che ha consentito un sereno svolgimento della manifestazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin