Stress e vita …mine :ilSicilia.it

Stress e vita …mine

di
29 Dicembre 2018

I nuovi paradigmi delle scienze della vita

Cari Liberi Nobili mi auguro vi siate rifocillati e riposati per bene in queste vacanze natalizie, perché si ricomincia con la sveglia mattutina e il solito moto perpetuo, in cui c’è poco spazio per la leggerezza e i piaceri e troppo per i pagamenti e i doveri. Magari, mentre siete in ferie, avrete più tempo per leggermi e onorarmi. Oggi vi propongo un argomento non a tutti noto, Stress e Vita, che vorrei contribuisse a tracciare un varco significativo verso un impellente cambiamento dei paradigmi e delle prassi scientifiche che sono di riferimento per noi professionisti della cura (medici e psicologi).

Di stress si può morire, può portare a infarto e ictus. È come se l’organismo si lasciasse morire, pensando di non avere più speranze di un futuro migliore. Lo stress non è di per sé negativo, anzi, come sostiene H. Selye, permea la vita delle cellule. Lo stress positivo è chiamato eustresso eustasi (G. Chrousos) ovvero buon equilibrio. Secondo G. O. Gabbard, in concomitanza con determinati “stressors” ambientali, si attiva la patologia organica e/o psichiatrica a cui si è predisposti costituzionalmente, geneticamente e per imprinting familiare. Gli stressors, dunque, sono di varia natura e tutti attivano l’asse dello stress. In questo processo degenerativo, sono da considerare l’appraisal (aspetto cognitivo) e il filtro emozionale che compromettono l’intero apparato eustatico. La psiche è una dimensione del livello biologico che è in grado di retroagire sul cervello sotto stress e non, modificandolo in positivo o in negativo (Lazarus).Malattia non è il contrario di salute perché, come ho già cercato di trasmettervi nei precedenti articoli, la malattia non viene per essere curata ma per curare, per dare la direzione a noi clinici e a voi pazienti (Jung).

Una condizione infiammatoria dell’organismo, tramite la segnalazione che le citochine fanno arrivare al cervello, può indurre una depressione mascherata e problemi fisici (dolore, debolezza, stanchezza, etc.) (R. Dantzer). È tutto collegato: un’infiammazione cronica delle terminazioni nervose (parestesie e dolori muscolari) è il frutto di una depressione mascherata e di disturbi legati allo stress e all’ansia, associati, quindi, a gravi carenze vitaminiche, particolarmente di vitamina D, cui conseguono anche carenze di calcio e altri deficit. Le ricerche scientifiche confermano questi collegamenti. La conclusione di questi studi è che più alti livelli di colesterolo cattivo (LDL) sono connessi ad alti livelli di stress e ansia (R. Dantzer, M. Maes).

Lo stress consuma e, come una candela, ci si può sentire spossati e senza forze. A lungo andare, infatti, provoca anche l’esaurimento delle riserve vitaminiche, preziosi nutrienti del nostro organismo. In momenti di forte stress, l’organismo si trova in una condizione di massima attività che può influenzare il consumo di questi elementi (per es., la vitamina D) o il loro assorbimento.

La carenza vitaminica altera la mineralizzazione ossea, causando l’osteomalacia negli adulti e contribuendo all’osteoporosi. La prevenzione non consiste solo nell’integrazione vitaminica e in una dieta equilibrata ma nel tentare di non aggiungere stress a quello che già lo è, per es. allontanando o tenendo a distanza le persone tossiche (che contribuiscono con i loro disordini di personalità a fare ammalare coloro che gli stanno vicino) finché si può.

Vi auguro di fluire in un percorso di luce. Buon anno 2019 dalla Vostra WonderDoc Woman!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.