Strisce blu al Foro italico, Gelarda: ''Non possono pagare sempre i cittadini, anche quando non hanno servizi'' :ilSicilia.it
Palermo

Oggi un incontro congiunto fra la sesta e la settima commissione consiliare con alcuni commercianti

Strisce blu al Foro italico, Gelarda: ”Non possono pagare sempre i cittadini, anche quando non hanno servizi”

19 Febbraio 2018

Si è svolto oggi un incontro congiunto fra la sesta e la settima commissione consiliare che ha visto la presenza di alcuni rappresentanti dei commercianti della zona del Cassaro basso, dell’assessore Jolanda Riolo e degli uffici competenti.

”Abbiamo appreso che questa amministrazione avrebbe già individuato alcune aree di sosta, oggi libere, rendendole a pagamento. Soluzione alla quale – affermano Igor Gelarda (M5S) e Sabrina Figucccia (Udc) ci opporremo a partire dall’idea che non possono pagare sempre i cittadini ai quali continuano a non essere erogati servizi reali. Tema centrale dell’incontro – continuano i due consiglieri – le richieste di commercianti del territorio. Abbiamo, infatti, registrato – proseguono– lamentele sulla carenza di aree di sosta, di servizi navetta, di manutenzione di verde e di arredo urbano, nonché di servizi a cittadini e turisti, ma anche proposte concrete, come la creazione di un’area di sosta su piazza Marina e la creazione di un varco d’accesso no ztl per accedere allo stesso.

Nel condividere le legittime istanze dei commercianti, non possiamo non tener conto di una totale mancanza di progettazione da parte di questa amministrazione, che lascia ancora al palo il piano generale urbano del traffico e che continua a procedere con provvedimenti spot, senza un reale progetto di recupero, come ad esempio nel caso del mercato storico della Vucciria, che deve essere, invece, valorizzato come merita.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.