Stromboli, identificata la vittima: è un giovane siciliano di 35 anni | FOTO :ilSicilia.it
Messina

Massimo Imbesi, amava i vulcani e l'avventura

Stromboli, identificata la vittima: è un giovane siciliano di 35 anni | FOTO

di
4 Luglio 2019
Foto Fb: Massimo Imbesi
Foto Fb: Massimo Imbesi
Foto Fb: Massimo Imbesi

SCORRI LE FOTO IN ALTO

È stata identificata la vittima dell’esplosione dello Stromboli di ieri: si tratta di un giovane 35enne di Milazzo, Massimo Imbesi. Era con un amico brasiliano che è rimasto ferito in maniera non grave.

“Finalmente il mare, di nuovo il mare… quello più conosciuto e familiare però, quello che preferisco, quello della Spiaggia di Ponente di Milazzo, quello di casa….”. Così Massimo Imbesi, allievo ufficiale di coperta, 35 anni, scriveva un anno su Facebook commentando la foto del proprio attestato conseguito come allievo ufficiale di coperta. Amava il mare e i vulcani.

La sua passione era Stromboli. “Ieri mattina – rivela uno degli abitanti di Ginostra, Gianluca Giuffrè – l’ho visto assieme a un amico, un sudamericano molto alto. Stavano andando a fare delle foto del vulcano. Non lo conoscevo bene, ma lo vedevo sempre passare per i sentieri di Ginostra per degli scatti che erano la sua passione”.

Il suo corpo è stato recuperato e portato a Milazzo, dove viveva. Lo ha disposto la magistratura che sta valutando se fare eseguire l’autopsia o se sarà sufficiente l’esame esterno del medico legale. Secondo quanto si è appreso, all’altezza del torace è stato rilevato un grosso ematoma che Imbesi forse si sarebbe procurato cadendo violentemente su spuntoni di pietra lavica che caratterizzano l’isola.

Eruzione Stromboli
Foto Twitter @VelvetMagIta

Caduta che potrebbe essere avvenuta mentre correva per mettersi in salvo o causata da intossicazione da fumo sviluppato dagli incendi. Maggiori particolari sulla dinamica potranno venire da un amico sudamericano che era con lui, che ieri sera era ancora sotto evidente stato di choc.

Sui social il cordoglio degli amici. “Ciao caro amico – scrive su Facebook Daniele Parisi – ancora non ci credo a questo destino così crudele! Condivido questo video per la stessa passione d’appartenenza di esplorare la natura del mare e della montagna a volte e spesso in maniera estrema. Il piacere di vivere con tanto rischio quelle sensazioni indescrivibili scoprendo la forza della natura. Avrei voluto un giorno anch’io salirci su quella vetta dello Stromboli e godere quel brivido d emozione che in pochi capiscono il piacere di avventura così superlativo. Invece adesso ho un brivido di dolore per la tua scomparsa. Il vulcano ti ha voluto con se, il Massimo lo ha voluto dare “iddu” questa volta! riposa in pace amico mio”.

“Massimo Imbesi, il trentacinquenne che amava il mare e la sua terra – racconta Donatella Ruggeri – non si era affatto avventurato sulla cima da solo come narrato; sulla cima si va solo con le guide. Stava percorrendo un basso sentiero che conduce a un osservatorio, sotto i 400m di altezza (Stromboli supera i 900). Un sentiero libero e sicuro. Non è stata imperizia, è stata semplice e bastarda sfortuna“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin