Studente carbonizzato: al vaglio telecamere di sorveglianza :ilSicilia.it

le indagini

Studente carbonizzato: al vaglio telecamere di sorveglianza

di
1 Agosto 2021

Francesco Pantaleo, lo studente universitario di 23 anni, di Marsala (Trapani), trovato carbonizzato il 25 luglio in un campo vicino a Pisa aveva scelto di restare in Toscana anche nei mesi del lockdown e delle lezioni universitarie con modalità di didattica a distanza (Dad), anziché optare come moltissimi nel rientro in Sicilia, presso i familiari.

E’ quanto emerge da ambienti investigativi e anche su questo aspetto – la sua scelta di rimanere a Pisa, dove viveva in affitto, diversamente dalla maggioranza degli altri universitari durante il Covid – si concentra l’attività degli inquirenti per provare a spiegare l’accaduto e dipanare il giallo della sua morte. Martedì sarà eseguita l’autopsia, esame ritenuto snodo fondamentale per indirizzare le indagini e chiarire le cause della morte che per ora restano avvolte dal mistero.

Vicino al cadavere non sono state trovate tracce di combustibili e il suo corpo, “fortemente carbonizzato”, come ha rivelato il medico legale, non presentava ferite evidenti diverse da quelle provocate dall’effetto delle fiamme. Francesco Pantaleo, al momento del ritrovamento del suo cadavere, non indossava la scarpe.

Per stabilire il contesto in cui è morto Francesco Pantaleo, lo studente universitario di 23 anni, di Marsala (Trapani), trovato carbonizzato il 25 luglio in un campo vicino a Pisa, i carabinieri del nucleo investigativo stanno esaminando anche le immagini registrate da decine di telecamere di videosorveglianza, pubbliche e private, per cercare possibili indizi o verificare se hanno ripreso le ultime ore di vita del giovane. Magari il giovane potrebbe aver incontrato e parlato con qualcuno e ogni testimonianza può diventare decisiva in questa fase delle indagini.

L’area è abbondantemente coperta dalle telecamere, almeno fino alle soglie della zona di campagna dove è stato ritrovato il cadavere. Sequestrata inoltre la sua camera da letto nell’appartamento, non distante dalla facoltà di Ingegneria informatica alla quale era iscritto, che condivideva con altri due coinquilini affittuari come lui. I genitori dello studente sono a Pisa sia per contribuire agli accertamenti, sia in attesa della restituzione del corpo per celebrare i funerali a Marsala.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin