Studenti disabili, in Sicilia solo un insegnante su tre prende servizio all'inizio dell'anno :ilSicilia.it

Su 15.275 posti disponibili sono 4.606 gli insegnanti assegnati a settembre

Studenti disabili, in Sicilia solo un insegnante su tre prende servizio all’inizio dell’anno

di
15 Marzo 2017
Studenti disabili, in Sicilia solo un insegnante su tre prende servizio all'inizio dell'anno
Graziamaria Pistorino

“Su 15.275 posti disponibili in Sicilia per gli insegnanti di sostegno solo 4.606 vengono assegnati con l’inizio dell’anno scolastico”. Questa è la denuncia fatta dalla segretaria regionale della Flc Cgil, Graziamaria Pistorino, nel corso del seminario di formazione “Delega della L. 107/15. Inclusione scolastica degli alunni con disabilità” che si è svolto stamani al Liceo Classico Statale G. Meli di Palermo. Al centro della discussione i decreti attuativi della legge sulla “Buona Scuola” che tante critiche ha sollevato nel mondo della scuola ed in particolare in quello sindacale. Tra gli esperti del settore che sono intervenuti, oltre alla segretaria regionale della Flc Cgil Graziamaria Pistorino e a quella nazionale Anna Fedeli, Leonardo Saguto presidente di Proteo Sicilia, Maurizio Gentile dell’Ufficio scolastico regionale per la Sicilia, Chiara Garaci referente legale AIPD e dell’Associazione “Abilmente Uniti“, Maria Patrizia Bettini dirigente tecnico del Ministero, Antonella D’Amico docente dell’Università di Palermo ed esperta in psicologia dell’apprendimento, Salvatore Nocera vicepresidente Fish.

I provvedimenti sono in dirittura d’arrivo. Entro il 17 marzo, infatti, le commissioni parlamentari dovranno esprimere il loro parere. Graziamaria Pistorino ha ribadito la necessità di sviluppare una lettura critica dei testi normativi in via di approvazione. “Noi oggi dobbiamo mettere insieme le novità previste da questo provvedimento con i diritti e le esigenze degli alunni disabili di essere integrati nei percorsi scolastici nella nostra Regione. Per farlo dobbiamo prendere in considerazione tutti i pareri delle professionalità coinvolte. Noi vorremmo che la delega su questo tema venisse trattata con maggiore attenzione”.

Ad esempio, spiega la Pistorino, nell’Isola sono stati riabilitati dal Tar 343 insegnanti di sostegno. Questa situazione certifica che c’è qualcosa che non funziona. I genitori degli alunni disabili non dovrebbero ricorrere alla giustizia per ottenere l’insegnante di sostegno per i propri figli. Si tratta di diritti che dovrebbero essere garantiti in automatico, basta il possesso dei certificati. Da qui l’appello al legislatore: “il Parlamento dovrebbe risolvere questo problema dando stabilità dei posti ai ragazzi, passando così da un organico di fatto a organico di diritto”. In questo modo per Pistorino “potrebbe essere risolto anche il problema di chi è costretto a lavorare lontano dalle proprie famiglie. Molti infatti potrebbero rientrare a lavorare in posti più vicino a casa. Siamo convinti che ci siano gli spazi e i margini perchè le istituzioni ascoltino le nostre osservazioni”.

Ancora più dura la posizione espressa da Anna Fedeli, segretaria nazionale dell’Flc Cgil. Secondo la leader della Cgil scuola la delega muove dall’intento di ridurre le spese di bilancio relative all’inclusione. Per questo l’organizzazione sindacale ha intenzione di chiederne il ritiro. “Non ci sono obiezioni da fare – ha spiegato – perché il rischio che si corre è quello di tornare alle classi differenziali. E’ gravissimo che si calpesti l’autonomia scolastica, il compito di definire le ore di sostegno è della scuola, solo le scuole possono decidere”.

Il ragionamento della Fedeli riguarda l’impianto della legge 107. Secondo la leader della Cgil le 100 mila assunzioni si potevano fare diminuendo il numero di studenti per classe con un beneficio per tutti, per i ragazzi e per i docenti che avrebbero potuto rimanere a lavorare vicino casa. Inoltre “se devo parlare di inclusione lo devo fare in un contesto di scuola funzionante non certo in quello presente da Roma in giù. Gli otto decreti sono peggio della 107, gli unici soldi di questa delega vanno alle scuole private se accolgono gli alunni disabili”.

“Non si buttano a mare – ha concluso la Fedeli – la scuola dell’infanzia, i processi inclusivi e la formazione degli adulti”. Sono le tre eccellenze della scuola italiana su cui bisognerebbe investire. “Se non si parte da questo la scuola italiana viene messa in ginocchio”. Infine, “non si possono sancire i diritti e dire che questi possono essere esercitati solo se c’è la disponibilità finanziaria. Bisogna attuare il tempo pieno nella scuola dell’infanzia e in quella primaria, ma non si può scrivere nella legge che i comuni possono costituire le mense, ma lo Stato non fornisce il personale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.